L’arte di Andy Wharol su mille bottiglie dei vini ‘Cantina Marilina’

10

Un’esperienza straordinaria ed un’altra perla da incastonare nella crescita dell’azienda. Cantina Marilina, per il terzo anno di fila, ha firmato i vini di due cene di gala al ‘Taormina Film Festival’. Hervey Keytel –Mr Wolf di Pulp Fiction-, Oliver Stone, Riccardo Santamaria, Chiara Francini, Giorgio Panariello, Jeremy Renner –Occhio di Falco degli Avangers-, e tanti altri protagonisti del ‘red carpet’ taorminese, hanno gustato i vini ‘Marilina’ ai Galà Dinner del 14 e del 16 di giugno, nel festival che porta ogni anno a Taormina, star nazionali ed internazionali del cinema e dello spettacolo. Gli eleganti piatti del gusto e della tradizione siciliana, esaltati dai vini bianchi e rossi di Cantina Marilina nei ristoranti ‘La Giara’ e ‘La Baronessa’, nel cuore storico della ‘Perla del Mediterraneo’. Nella prima serata, con Harvey Keitel, Chiara Francini e Jeremy Renner, anche Fabio Lovino, Pappi Corsicato, Luca Angeletti, Ariana Romero, Avi Lerner, Nina Senicar. I vini che hanno accompagnato la cena: Cuè Moscato bianco secco e il Sikelè Nero d’Avola-Merlot

Chef di alto lignaggio, hanno proposto le pietanze accompagnate dai vini della Cantina Marilina, presentati ai tavoli dai sommelier che ne hanno tracciato gusto e sapore, particolarmente apprezzati dai commensali di alto bordo. Il 16 giugno poi, al ristorante La Baronessa, insieme ad Oliver Stone, Igor Lopatonok, Sandro Veronesi, Claudio Santamaria, Gabriele Mainetti, Rocco Hunt, Giorgio Panariello, Briga, i Vini Marilina che hanno accompagnato la cena cono stati Cuè Moscato Bianco Secco e Suave Merlot.

Un’esperienza che ci ha visto protagonisti per il terzo anno di fila – ha detto Marilina Paternò – nata da uno splendido rapporto che ci lega a Michel Curatolo, addetto alle Relazioni Pubbliche per il Taorminafilmfest, e che vogliamo continuare in simbiosi con il ‘festival’ e con il piacere di far conoscere la bontà dei nostri vini vegano e biologico che continuano a raccogliere, con nostro grande piacere, il favore dei commensali”.