‘Cannibali di auto’, scoperto un altro deposito con i ‘pezzi’ pronti per la vendita

2

DSC07241Dopo l‘esecuzione, lo scorso lunedì, delle sei misure cautelari nei confronti del sodalizio criminale responsabile dei reati di ricettazione e riciclaggio di veicoli in tutto il territorio nazionale attraverso la rete Internet, la polizia Stradale di Ragusa ha proseguito le indagini allo scopo di individuare altri luoghi nella disponibilità citato gruppo ove potessero essere detenuti altri veicoli provento di furto.

Così, mentre i sei destinatari delle misure cautelari venivano interrogati, in presenza dei legali, dal Giudice Claudio Maggioni del Tribunale, uomini della Polizia Stradale di Ragusa, avendo avuto notizia che a Marina di Modica vi era un altro deposito di veicoli di provenienza illecita, si recavano nella zona. Una volta individuato il posto, notavano che vi era un deposito, con delle pertinenze, di circa 250 mq, ed un’area a verde ove erano sparse parti di carrozzeria; pertanto contattavano il proprietario del terreno che dichiarava di averlo dato in affitto, da poco tempo, a uno degli indagati.

Avendo fondato sospetto che vi si potessero trovare altri ricambi oggetto di furto, gli agenti procedevano alla perquisizione dei locali rinvenendo 65 cambi di diverse auto (Fiat, Opel, Nissan, Ford, Toyota, Renault, Audi, Citroen, Alfa Romeo, Mercedes), 7 motori (Audi, Fiat, Opel, Toyota, Ford) e centinaia di montanti con disco ed alberi di trasmissione.

P1050914Già da una prima verifica emergeva che 5 motori avevano il numero di serie abraso, per cui tutto il materiale rinvenuto veniva sequestrato e gli atti inviati alla Procura di Ragusa, che venivano convalidati dal pubblico ministero di turno, Giulia Bisello. Salgono così a 6 i locali perquisiti (2 negozi ricambi situati a Pozzallo e a Rosolini, 4 magazzini situati a Ragusa, contrada San Giacomo, a Rosolini, a Noto e a Modica, località Marina di Modica.

Le indagini proseguiranno al fine di abbinare tutti i pezzi sequestrati alle vetture e di poter, in tal modo, quantificare il reale numero di auto ricettate, che ad oggi è di 43 auto ( 37 rubate a Catania, 5 a Siracusa ed 1 a Bari).