Il parroco coinvolto in storia di ricatto sessuale. Il vescovo: “Carità e misericordia”

5405
Immagine tratta dal sito della diocesi di Ragusa

Sulla vicenda del parroco ricattato da un tunisino col quale aveva avuto incontri a sfondo sessuale, interviene la diocesi, in un comunicato dell’Ufficio comunicazioni sociali.

Ecco il testo integrale:

“Con riferimento alle notizie, diffuse dalla stampa e dai mezzi di comunicazione, che riguardano l’anziano parroco della parrocchia del Purgatorio in Ragusa, il vescovo di Ragusa monsignor Carmelo Cuttitta, a nome suo e della Chiesa ragusana, esprime dispiacere per la incresciosa vicenda che ha visto protagonista e vittima un sacerdote che, in un momento di debolezza e fragilità, è venuto meno alla testimonianza dei valori che ha sempre professato e in cui ha sempre creduto.

Avendo manifestato, fin dal primo momento, il pentimento, è stato avviato ad un percorso di accompagnamento spirituale in vista del superamento del suo profondo turbamento interiore, in un’ottica di carità e misericordia che tende al recupero delle motivazioni che hanno accompagnato il suo ministero sacerdotale”.

Formalmente l’anziano sacerdote resta parroco, per funzioni ‘amministrative’. Da qualche giorno, però, non celebra messa. Le funzioni religiose sono assicurate da alcuni confratelli.