Due vescovi ‘modicani’ accoglieranno Papa Francesco in Sicilia

Ad accogliere domani Papa Francesco nella sua visita in Sicilia per commemorare il martirio di don Pino Puglisi, saranno due vescovi modicani. Doc l’uno, d’adozione l’altro (che è di origine ispicese).

Come vuole il protocollo delle visite apostoliche, a dare il benvenuto al pontefice è il vescovo titolare della diocesi in cui il Santo Padre arriva in aereo o con altro mezzo.

IMG_1569-755x491.jpg.pagespeed.ce.u8pPnI5nlp

Il primo sarà quindi don Rosario Gisana: 59 anni, nato a Modica, è stato nominato vescovo proprio da Bergoglio, nella sede di Piazza Armerina, eretta nel 1817. La visita del Pontefice, anche se breve, chiude le celebrazioni per il bicentenario della fondazione della diocesi.

Domani mattina il Papa arriverà a Catania e si trasferirà in elicottero a Piazza Armerina, con atterraggio al campo sportivo Sant’Ippolito, dove riceverà il saluto del vescovo, del sindaco e del prefetto di Enna.

Poi, alle 9, in Piazza Europa, l’incontro con i fedeli. È previsto il saluto di monsignor Gisana e poi l’intervento del Papa. Alle 10,15 la partenza in elicottero per Palermo.

Alle 10,45 l’arrivo al porto di Palermo, accolto dall’altro vescovo ‘modicano’, monsignor Corrado Lorefice, a guida della diocesi palermitana. Anche lui è stato nominato da papa Francesco.

Questo il programma di Palermo.

Ore 10.45 ARRIVO IN ELICOTTERO AL PORTO DI PALERMO
 Ore 11.15 CELEBRAZIONE EUCARISTICA
Nel XXV anniversario del martirio del beato P. Pino Puglisi
Foro Italico Umberto I
 Ore 13.30 VISITA ALLA MISSIONE SPERANZA E CARITA’
Incontro e pranzo con gli ospiti della casa
 Ore 15.00 VISITA ALLA PARROCCHIA SAN GAETANO
E sosta al luogo dell’uccisione del Beato P. Pino Puglisi
 Ore 15.30 INCONTRO CON IL CLERO, I RELIGIOSI E I SEMINARISTI
Cattedrale
 Ore 17.00 INCONTRO CON I GIOVANI
Piazza Politeama

 

Tantissimi i fedeli che raggiungeranno piazza Armerina e Palermo da tutta la Sicilia. Ogni diocesi ha organizzato numerosi pullman per permettere ai fedeli di partecipare all’incontro con il Papa.