Zorbas, 130.000 euro la prima stima dei danni a Sampieri

2492

Se sul litorale modicano dopo un pomeriggio di paura alla fine i danni della violenta mareggiata sono stati davvero contenuti, diversa la situazione sul versante sciclitano dove, invece, questa mattina, alla presenza del dirigente generale della Protezione Civile Sicilia Ing Calogero Foti, si fa la conta degli ingenti danni provocati dalla furia del ciclone Zorbas.

Si parla di oltre 80 mila euro per quanto riguarda il lungomare di Sampieri e, soprattutto, per il caratteristico porticciolo. La parte più danneggiata infatti é proprio lo scalo di alaggio. In ginocchio anche alcune attività private le cui strutture si trovano proprio a ridosso del mare. Problemi anche all’Istituto delle Suore che ha sede proprio dinanzi il porticciolo.

Divelte le strutture esterne del Pata Pata ed in particolare del Pappafico. Anche in questo caso si parla di danni che si aggirerebbero ben oltre i 50 mila euro. Come dicevamo sul posto questa mattina oltre all’Ing Foti anche l’Ing Sallemi dirigente della protezione civile provinciale, il vice prefetto e i tecnici del comune di Scicli, coadivuati dall’Ing del comune Andrea Pisani, e ovviamente il primo cittadino Enzo Giannone che ha voluto constatare di persona quanto accaduto ieri pomeriggio nella frazione balneare e a garantito la propria vicinanza ai proprietari delle strutture colpite.

Anche a Marina di Modica il primo cittadino Ignazio Abbate ha effettuato un sopralluogo dopo che ieri sera aveva lanciato l’allarme chiedendo per precauzione l’evacuazione della frazione balneare. Abbate ha ringraziato tutti i tecnici del comune e della protezione civile che si sono prodigati al massimo per far sì che già da oggi Marina di Modica sia fruibile ai turisti e ai residenti.

Questa la nota del Comune di Modica: 

A poche ore dal tornado che ha causato tantissimi danni sulle coste iblee, in particolare tra Marina di Modica e Sampieri, la situazione nella frazione balneare modicana è già tornata alla normalità. Merito degli operai delle aziende che hanno lavorato incessantemente durante la notte e nelle prime ore della mattina per ripulire tutto quello che il mare aveva depositato sulla costa, sul lungomare e nelle strade prospicienti. “Dopo la bufera di ieri sera abbiamo già riportato tutto in ordine per rendere fruibile Marina in questo fine settimana. Voglio ringraziare di cuore tutti coloro che questa notte mi sono stati vicini ed hanno lavorato incessantemente. Dai tecnici della Protezione civile ai volontari, le forze dell’ordine ed i nostri tecnici guidati dal geometra Scollo. In mattinata abbiamo ricevuto l’apprezzamento del dirigente regionale della Protezione Civile, Calogero Foti, che è arrivato da Palermo per ispezionare le zone interessate da questo fenomeno meteorologico. Per fortuna non è successo nulla di grave ed irreparabile ma vi assicuro che si sono vissuti attimi di tensione durante l’avvicinamento del tornado. Ai privati che hanno subìto danni cercheremo di stare il più vicino possibile per aiutarli a ripartire nella loro attività che tanto successo ha avuto durante la stagione estiva appena conclusa”.