‘Pittai pi tia’ l’insolito vernissage di Robustelli all’interno di KuFù

196

Un’installazione pittorica che più “site specific” non si può. È quella che l’artista Giovanni Robustelli presenterà giovedì 17 gennaio, a partire dalle 19.30, all’interno di “KuFù” in via Grimaldi, il bistrot siculo giapponese dello chef Luca Stracquadanio, che è anche il committente delle opere.

“Pittiai pi tia” è il titolo di questo insolito vernissage, che coniugherà ovviamente l’arte alla cucina. “La sconfinata libertà immaginifica che accomuna le nostre espressioni artistiche e gastronomiche – spiegano Robustelli e Stracquadanio – ha fatto sì che le nostre visioni, allo stesso tempo delicate e potenti, si intrecciassero per spalancare le mura del ristorante su nuovi paesaggi tra la terra e il sogno”.

Tra un San Giorgio Cavaliere e una Geisha, un albero e una pagina di Kamasutra, un pesce del mare e una sirena d’oltremare, Robustelli ha spostato persino i confini della sua tecnica per disegnare una strada tutta nuova lungo cui far passeggiare il pubblico, “così attraversare la japan room di KuFù sarà come transitare in un’altra dimensione, sorvolando un paesaggio onirico e incantato”.