Pregiudicato ridotto in fin di vita, arrestati i due presunti aggressori

1526

La Polizia di Stato – Squadra Mobile – ha sottoposto a fermo per tentato omicidio aggravato Hedi Belgacem, 31 anni, nato a Vittoria, e Fabio Quattrocchi, 39 anni, entrambi con precedenti.

La Squadra Mobile di Ragusa ed il Commissariato di Vittoria sono intervenuti la notte tra sabato e domenica intorno all’1.00 in ospedale in quanto era stata segnalata la presenza di due uomini feriti gravemente.

Le condizioni del ferito più grave sono apparse sin da subito disperate tanto che il personale sanitario lo ha sottoposto a immediato intervento chirurgico per la compromissione di organi vitali e tuttora la prognosi è riservata. Purtroppo gli investigatori non hanno avuto neanche modo di parlare con la vittima perché incosciente.

Le indagini della Polizia di Stato si sono concentrate sull’ascolto dei testimoni e la visione delle immagini di videosorveglianza di alcune attività vicine all’abitazione della vittima.

Fondamentale per la ricostruzione completa dei fatti reato è stato ancora una volta l’intervento della Polizia Scientifica che ha raccolto diverse tracce sul luogo del delitto ed all’interno dell’auto utilizzata dai fermati per la fuga.

Le attività investigative hanno permesso di ricostruire l’intera vicenda. Intorno all’una di notte i due fermati hanno fatto irruzione in casa di un vittoriese aggredendolo in presenza di moglie e figli piccoli. La donna per paura che venissero coinvolti i figli ha trovato riparo in una stanza della casa. Dopo averlo colpito a mani nude è intervenuto il fratello della vittima che era andato a trovarlo e ha tentato subito di difenderlo bloccando gli autori dell’aggressione. Nonostante i tentativi è rimasto anche lui ferito quindi la furia degli aggressori è ritornata sul loro obiettivo tanto da colpirlo con una bottiglia di vetro. Una volta in frantumi la stessa bottiglia è stata utilizzata per trafiggere la vittima procurandogli lesioni ad organi vitali.

Dopo l’aggressione, resisi conto della gravità di quanto commesso, i due si sono allontanati a bordo di un’auto. Uno degli aggressori si è rifugiato in casa ma l’altro non poteva andare lontano perché perdeva molto sangue. Mentre sferrava i colpi si era reciso alcuni vasi sanguigni importanti degli arti superiori pertanto si recava in ospedale fingendo di aver avuto un incidente stradale, versione sin da subito non ritenuta credibile.

Presente sul luogo del delitto un conoscente della vittima che ha caricato sul suo furgone il ferito portandolo in ospedale insieme al fratello anche lui bisognoso di cure.

I gravi indizi di reato raccolti ed il concreto pericolo di fuga, hanno permesso di sottoporre a fermo di polizia giudiziari i due.  Considerate le ferite riportate da uno dei due, il Pubblico Ministero presso la Procura della Repubblica di Ragusa ha disposto che venisse piantonato presso l’ospedale di Vittoria mentre l’altro è stato subito accompagnato presso la Casa Circondariale di Ragusa.

Gli investigatori sono ancora a lavoro per chiarire alcuni aspetti della vicenda, tra tutti il movente di una così brutale aggressione addirittura in presenza dei figli della vittima.