Detenuto muore nel carcere di Ragusa, la Procura apre inchiesta

2075
Immagine di repertorio

La Procura di Ragusa ha aperto un’inchiesta sulla morte di Cesare Rugnetta, 36 anni, celibe e senza figli, avvenuta il 20 marzo scorso nel carcere di Ragusa.

L’uomo stava scontando un residuo di pena e in quanto tossicodipendente era stato preso in cura dal Sert e assumeva dosi di metadone per la disintossicazione.

I genitori dell’uomo hanno presentato denuncia contro ignoti per fare chiarezza sul caso. Un atto dovuto che mira a far luce sulle cause che hanno provocato l’arresto cardiocircolatorio del detenuto.

Il sostituto procuratore Monica Monego ha disposto l’autopsia sul corpo di Rugnetta, che è stata eseguita venerdì, all’obitorio del cimitero di Ragusa Ibla, dal medico legale Walter Di Mauro.

Nell’aprile 2010, Cesare Rugnetta era stato arrestato per espiare una pena di oltre 7 anni.