Petrolio nel Moncillè, Legambiente presenta un esposto in Procura

72
Moncillè, inquinamento

Legambiente ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Ragusa, firmato dal presidente nazionale Stefano Ciafani, chiedendo di utilizzare i nuovi delitti di inquinamento, disastro ambientale inseriti nel codice penale grazie alla legge sugli ecoreati. Il riferimento è allo sversamento di idrocarburi nel torrente Moncillè, affluente dell’Irminio.

“L’età del petrolio in provincia di Ragusa – spiega Legambiente – è finita. Vanno bloccati tutti i progetti di nuove trivellazioni,  i pozzi attivi gradualmente devono essere dismessi e non devono essere concesse proroghe, avviando invece  la riconversione verso un sistema energetico 100% rinnovabile perché, trivellare intensamente in piccoli giacimenti come quelli in provincia di Ragusa, in situazioni ambientali delicate, è solo un accanimento terapeutico come affermava Leonardo Maugeri capo delle strategie e dello sviluppo dell’Eni.