‘Ragusani nel fondo’. A Nello Dipasquale il premio ‘Pappagallo d’oro’

537

Sabato scorso si è svolta con successo, nel suggestivo scenario  della Rotonda Maria Occhipinti, la decima edizione del premio “Ragusani nel fondo”, la manifestazione che premia gli ultimi, coloro che non ce l’hanno fatta, ma anche chi resiste, chi si sforza in prima persona per superare le difficoltà della vita o si attiva per contribuire a mettere
in atto pratiche virtuose in favore dei soggetti più deboli. Quest’anno si è scelto di premiare tre realtà ragusane.

Un premio è andato all’associazione Così come sei onlus, nata alcuni mesi fa dal diretto impegno di alcune famiglie con figli disabili, le quali, organizzandosi tra di loro hanno realizzato una struttura dove i loro figli possono essere coinvolti in pratiche costruttive, educative e ludiche. Un’esperienza unica nel suo genere. Decine di famiglie sono
intervenute alla Rotonda a ritirare il premio. Per l’occasione Saro Distefano e la casa editrice Operaincerta hanno presentato il volume Dell’antipatia, i cui proventi delle vendite andranno proprio all’associazione Così come sei.

Un altro premio è andato al MEDU, Medici per i Diritti Umani, organizzazione che si batte in favore degli “ultimi degli ultimi”, i migranti “rinchiusi nei centri detentivi cosiddetti di accoglienza”, bisognosi di cure e di sostegno psicologico dopo i lunghi viaggi e le condizioni subite (torture, violenze, stupri, ecc.). I rappresentanti di  MEDU hanno denunciato il peggioramento delle condizioni dei migranti, e quindi delle loro stesse possibilità di operare, in seguito ai decreti sicurezza e alle politiche messe in atto dal governo uscente.

Infine un premio è andato alle RSA aziendali dell’USB presso l’Impresa di Igiene Ambientale Busso che da tempo protestano per la mole di provvedimenti disciplinari e lettere di contestazione che gli iscritti al sindacato di base subiscono per la loro attività in azienda, “evidentemente giudicata scomoda perché rompe una pax sindacale  instaurata da tempo, tutta a discapito dei lavoratori”.

In occasione della decima edizione l’organizzazione ha voluto assegnare  un nuovo premio, il “Pappagallo d’Oro” destinato a un personaggio pubblico che si è reso protagonista di attività amministrative e/o politiche che hanno inciso negativamente sulla città e sui suoi abitanti. Il personaggio prescelto è stato l’on. Nello Dipasquale,
presente alla Rotonda sotto forma di sagoma realizzata dall’artista  Guglielmo Manenti, cui è stato consegnato il simbolico premio per tre motivi che qui si sintetizzano: “la cementificazione delle periferie e la desertificazione del centro storico; i parcheggi sotterranei in centro come incentivo all’uso dell’automobile e negazione di una mobilità
alternativa ecosostenibile; l’impegno per l’autostrada Ragusa-Catania (ancora cemento e asfalto) senza valutare alternative come una nuova linea ferroviaria Ragusa-Catania che tolga i mezzi pesanti dalla strada”. La serata, nonostante iniziative concomitanti in centro, è stata partecipata, brillante e coinvolgente, grazie al servizio ristoro messo
a disposizione dall’organizzazione e alla presenza del cantautore Davide Di Rosolini che ha intrattenuto il pubblico in maniera eccellente.