Flash Mob per Bianca, la mucca abbattuta a Ragusa dopo la fuga dal macello

2850

Si è svolto oggi, a distanza di una settimana dall’uccisione di Bianca, la mucca fuggita dal macello e abbattuta dalle forze dell’ordine, un Flash Mob nel luogo dove si è consumato il tragico evento. La manifestazione, che doveva svolgersi già venerdì scorso, è stata rimandata ad oggi per rispetto del lutto cittadino indetto dal Sindaco di Ragusa.

L’iniziativa del Flash Mob – svolta in pieno rispetto delle regole imposte per il Covid 19 – è stata decisa da un gruppo di animaliste in rappresentanza dei tanti cittadini che hanno espresso indignazione per l’uccisione di Bianca.

“Con questa iniziativa intendiamo difendere l’immagine, non solo della città di Ragusa ma anche quella di molti ragusani amanti degli animali, lesa da un’azione tanto violenta quanto inadeguata, contravvenendo alle più basilari norme di civiltà. Contestiamo il metodo utilizzato, preferendo una soluzione sbrigativa come l’abbattimento, ad un intervento civile e “compassionevole” come quello della sedazione, così come previsto dai protocolli del Ministero della Salute in tema di sanità animale.

E’ inaccettabile che ancora oggi, in un Paese cosiddetto Civile, si ricorra all’uccisione con numerosi colpi di pistola in pieno centro cittadino per fermare una povera bestia – anche se destinata al macello – terrorizzata e non impazzita come invece dichiarato, dando un pessimo esempio alla cittadinanza. Ci auguriamo che fatti come questi non avvengano più e invitiamo le autorità a prevedere linee guida adeguati nel fronteggiare in futuro situazioni di emergenza che coinvolgano animali.”