Cocaina a ‘fiumi’ nel Ragusano, il Sert lancia l’allarme

5518

Aumenta ancora il consumo di cocaina in provincia di Ragusa. A lanciare è il dottor Giuseppe Mustile, dirigente dell’Unità Operativa Complessa Dipendenze Patologiche dell’Asp di Ragusa. Ecco la sua riflessione che suona come un allarme: 

“Feste, occasioni, incontri di qualsiasi tipo da quelli sessuali spinti a quelli “innocenti” si trasformano in occasioni per farsi una bella tirata di naso oppure, come è sempre più frequente, per farsi una fumatina di crack (molto più potente e molto più neurotossico della cocaina che già non scherza per danni cerebrali).

Stiamo andando verso una americanizzazione dei comportamenti sociali; il consumo di crack è stato un gravissimo problema dei consumatori statunitensi negli ultimi dieci anni creando danni sociali e per la salute enormi, e ora, come se niente fosse, sta iniziando da noi anche nelle fasce più giovani della popolazione che non hanno le misure giuste per essere critici rispetto a questo consumo.

Consumatori e spacciatori solidarizzano passando da un ruolo all’altro indifferentemente in un giro di soldi vorticoso e di perdita del controllo parossistico.

Non si possono controllare gli effetti sia a breve che soprattutto a lungo termine della cocaina. Non abbiamo una terapia farmacologica adeguata per combattere questa guerra. Perché di una guerra si tratta e forse della peggiore specie.

Il futuro delle nostre generazioni è in ballo e i ragazzi, ai quali piace “ballare” per loro caratteristica personologica e per la loro età, stanno “ballando” con il fuoco accanto che non è un fuoco che riscalda ma un fuoco che brucia.

Bisogna parlarne nelle scuole, nelle associazioni, nei dibattiti politici nei lavori di programmazione politica di questo fenomeno che non è più un fenomeno nuovo ma è sempre più malefico e velenoso.

Se c’è tanta cocaina in giro il problema non è di chi la mette in giro che commette un reato punito fino a 20 anni di carcere e fa i miliardi; il problema è di chi la chiede che compone un numero che è sempre più grande.

Fino a quando ci sarà una sola domanda di cocaina ci sarà sempre una offerta.

Questo è un problema di tutti e non può essere un problema solo sanitario o solo dei SerT”.