Omicidio Lucifora, domani l’interrogatorio del carabiniere arrestato

635

È stato fissato per domani l’interrogatorio, davanti al gip del Tribunale di Ragusa Eleonora Schininà, di Davide Corallo di 39 anni, carabiniere al momento sospeso dal servizio, accusato dell’omicidio di Peppe Lucifora, 57 anni. Il delitto era avvenuto  il 10 novembre dello scorso anno.

Il militare, hanno riferito i suoi legali, continua a dichiararsi innocente e sereno.

Intanto fanno discutere le dichiarazioni del parroco della chiesa di San Giorgio, padre Stracquadanio, il quale sostiene che Lucifora avesse redatto testamento, documento che non sarebbe stato però mai trovato.

Inoltre, il sacerdote, che conosceva bene Lucifora, portatore della statua del Santo cavaliere, ritiene che sia poco credibile la pista dell’omicidio a sfondo sentimentale.

L’esame autoptico ha rivelato che l’omicida avrebbe usato una sola mano per strangolare il cuoco modicano. Una forza brutale, che potrebbe essere ricondotta a un delitto d’impeto. Ma ovviamente maggiori dettagli sulle indagini saranno più chiari nelle fasi successive alla vicenda giudiziaria.