PTE Chiaramonte, Pozzallo e Scicli, sindaci annunciano azioni di lotta

464
Immagine di repertorio tratta dal web

Venerdì della scorsa settimana i Sindaci di Pozzallo, Chiaramonte Gulfi e Scicli hanno incontrato il Direttore Generale dell’ASP di Ragusa per discutere sulle problematiche dei Presidi Territoriali di Emergenza del territorio Ibleo. Come è noto, alcuni turni di guardia dell’importante servizio sanitario, sono stati garantiti soltanto dalle figure dell’infermiere e dell’ausiliario e non da quella del medico. I tre Sindaci, avevano invitato il direttore Aliquò a risolvere urgentemente la grave deficienza, ma a tutt’oggi non c’è stata ancora alcuna risposta da parte del Direttore Generale. È questo un fatto molto grave e assolutamente inaccettabile. Nella filiera dell’emergenza sanitaria, i PTE svolgono una funzione fondamentale per la salvezza di vite umane. Non si può assolutamente scherzare con la vita di tutti gli abitanti della provincia di Ragusa. I Sindaci di Pozzallo Roberto Ammatuna, di Chiaramonte Gulfi Iano Gurrieri e di Scicli Enzo Giannone, diffidano la Direzione Generale dell’ASP ed invitano quest’ultima a mettere urgentemente fine ad un disservizio assolutamente pericoloso è inaccettabile. Se entro la corrente settimana, non ci dovesse essere nessun riscontro alle richieste di normalizzazione dei turni di guardia con la presenza della figura del medico h24, i tre sindaci si riserveranno azioni di lotta clamorose al fine di tutelare non solo la salute, ma soprattutto la vita di tutti gli abitanti delle comunità Iblea.