12 Regioni verso la zona arancione. La bianca resterà una chimera?

371

È grave la situazione descritta dal ministro della Salute Roberto Speranza alla Camera.

Rt a 1,03 e di oltre 313 casi su 100mila.

“Questa settimana c’è un peggioramento generale della situazione epidemiologica in Italia, aumentano le terapie intensive, l’indice Rt e focolai sconosciuti. Non facciamoci fuorviare: l’epidemia è nuovamente in una fase espansiva”, ha detto il ministro.

Speranza ha annunciato che sono 12 le regioni a rischio alto che di sicuro entreranno in zona arancione. Non si sa ancora se ve ne saranno in zona rossa.

Di certo c’è che anche in quelle gialle non saranno consentiti gli spostamenti tra regioni. Una piccola nota positiva: nelle aree gialle saranno riaperti i musei.

Speranza ha ribadito che a causa del “peggioramento di tutti i parametri è indispensabile prorogare lo stato di emergenza fino al 30 aprile”.

E sulle vaccinazioni: “Siamo pronti ad aumentare il numero di vaccinazioni da effettuare appena saranno autorizzati nuovi vaccini. Le opzioni sono per 250 milioni di dosi, il doppio di quello che serve”.

Oltre alle aree rosse, arancioni e gialle “il Governo ha intenzione di prevedere anche una quarta area, bianca, solo con incidenza sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti e Rt sotto a 1”, sempre con mascherine e distanziamento.