Smantellata rete dello spaccio davanti alle scuole. Incassi da 25mila euro al giorno

825
Immagine di repertorio

Una banda di spacciatori: 31 in tutto, inclusi anche alcuni minori. Spacciavano davanti ai cancelli delle scuole: minori che cedevano droga a propri coetanei.

Ben 17 dei fiancheggiatori del gruppo di pusher aveva il reddito di cittadinanza.

L’operazione è stata condotta dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del comando provinciale di Siracusa, su un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Catania.

Il blitz è scattato all’alba, nella rete dei militari una fitta rete di spacciatori impegnati nel traffico e nello spaccio di grossi quantitativi di cocaina, crack, marijuana, hashish e metanfetamine.

Dalle indagini, è emerso che la banda aveva creato una sorta di bunker all’aperto, una zona franca, inaccessibile a chiunque, chiusa anche da cancelli piazzati nelle vie d’accesso principali e con tanto di vedette per avvertire su visite sgradite.

Gli incassi potevano arrivare a 25mila euro al giorno.

In campo 150 militari anche del 12° Reggimento carabinieri “Sicilia” di Palermo e dello Squadrone Eliportato carabinieri Sicilia di Sigonella.