11° comandamento: non sprecare! Il decalogo delle buone pratiche

50
Immagine tratta dal web

Oggi 5 febbraio si celebra la IX Giornata nazionale contro lo spreco alimentare, un appuntamento che dal 2014 cerca di sensibilizzare l’opinione pubblica sullo spreco di cibo.

I numeri degli sprechi alimentari in Italia e nel mondo sono impressionanti, tanto più se comparati ai numeri relativi alle fasce di popolazione mondiale che non possono permettersi un pasto sano al giorno o che sono affamate.

Per farsi un’idea, ogni anno in Italia vengono sprecate oltre 5 milioni di tonnellate di cibo, circa 85 kg pro capite, pari al 15,4 % dei consumi alimentari totali con un costo di 12,6 miliardi di euro e oltre 24,5 milioni di tonnellate di carbonio emesse. In Europa lo spreco arriva a 90 milioni di tonnellate, ovvero 180 kg a persona all’anno, ma anche a livello mondiale i numeri sono allarmanti: il 17% del cibo a disposizione dei consumatori si perde o si spreca, con un costo di mille miliardi di dollari l’anno (dati Fao). È quanto sottolinea l’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, che in occasione della giornata dedicata alla riduzione degli sprechi alimentari ha pubblicato un elenco di 10 buone pratiche da seguire per evitare di buttare il cibo.

Grafica tratta dal sito enea.it

.
Al primo posto compare la vecchia ‘lista della spesa’, per evitare acquisti extra, al secondo il controllo della scadenza dei prodotti, pensando a quando utilizzarli. E ancora, scegliere prodotti che riportano informazioni su tecnologie o ingredienti che aiutano a limitare lo spreco alimentare e più attenzione al destino della confezione a ‘fine vita’ in modo da ridurre la quantità di indifferenziata nell‘immondizia. Fra i suggerimenti anche l’acquisto di prodotti bio e l’inventare nuove pietanze utilizzando gli avanzi di cucina, con fantasia e creatività.
Il decalogo emerge dal Rapporto ‘L’economia circolare nelle filiere industriali: i casi Costruzione&Demolizione (C&D) e Agrifood’ della Piattaforma italiana degli attori per l’economia circolare (ICESP) coordinata da ENEA, che si è focalizzata sulla raccolta e lo studio di buone pratiche ma anche nel far convergere iniziative ed esperienze, evidenziare criticità e prospettive, per promuovere l’economia circolare in Italia e rappresentare in Europa le specificità italiane in tale ambito.
“Lo spreco alimentare non ha solo un costo economico elevato, ma impatta sull’ambiente e le risorse naturali, sul benessere delle persone e sul loro sostentamento”, sottolinea Chiara Nobili della Divisione Biotecnologie e Agroindustria dell’ENEA. “Da qui l’importanza di individuare i fattori che determinano perdite e sprechi e le potenziali azioni strategiche di prevenzione e di contenimento nella fase post-vendita, per orientare il consumatore verso modelli di consumo più consapevoli”.

“In questo contesto diviene sempre più importante perseguire obiettivi di prevenzione e riduzione dei rifiuti alimentari, agendo su tutto il sistema, con un approccio differenziato a seconda della connotazione specifica delle singole fasi”, aggiunge Chiara Nobili.

Secondo il rapporto, la prevenzione degli sprechi rappresenta il primo passo verso la transizione all’economia circolare specialmente nel settore agroalimentare dove lo spreco inizia in campo, cioè quando la produzione alimentare viene pianificata secondo parametri diversi dall’effettiva domanda di cibo (ad esempio secondo accordi contrattuali con i rivenditori) e finisce dopo l’ultimo piatto cucinato, poiché lo smaltimento dei rifiuti richiede un ulteriore spreco di risorse.