Amministrative 2022, a Santa Croce una poltrona per cinque candidati a Sindaco

437
senesi

Ufficializzata la data del 12 giugno per il voto delle Amministrative, la campagna elettorale nei 120 comuni ​in Sicilia​ chiamati alle urne​, comincia a far dettare le strategie ​a​i candidati a sindaco. L’eventuale ballottaggio si terrà il 26 giugno. Tra i sei comuni dell’area iblea che rinnoveranno ​l’esecutivo cittadino, c’è Santa Croce Camerina.

Nel piccolo centro camarinense ci sono ben cinque candidati a primo cittadino: Giovanni Barone (Sindaco uscente), Giuseppe Dimartino, Giansalvo Allù, Filippo Frasca e Piero Mandarà. L’unico volto nuovo è quello del professionista Dimartino, appoggiato da Diventerà Bellissima, mentre i restanti quattro son​o​ volti conosciuti alla politica ​locale. Allù, dopo le esperienze amministrative con i Sindaci Cascone e Iurato, adesso vuole spendersi in prima persona. Stesso discorso vale per Mandarà che dopo essere stato spalla e ‘​avversario’ politico dell’ex Sindaco Lucio Schembari, vuole racimolare voti per se stesso e non più per altri candidati. Per Frasca, già ex vicesindaco ​nell’amministrazione Barone, si tratta del sua prima esperienza per la corsa alla poltrona più ambita di Palazzo del Cigno. Per l’attuale Sindaco, invece, si tratta di una ricandidatura scontata.

Tra le curiosità di Santa Croce, tre dei candidati, Barone, Mandarà e Frasca, erano alleati tra loro cinque anni fa quando la loro lista fece eleggere l’attuale Sindaco. Ma è anche una competizione elettorale che vede l’impegno di tre deputati regionali: Nello Dipasquale del Pd che appoggia Giansalvo Allù, Giorgio Assenza al fianco di Giuseppe Dimartino e Orazio Ragusa a sponsorizzare Giovanni Barone. Nessun ‘Santo in paradiso’ per Frasca e Mandarà.