Celebrato il 170° Anniversario della Fondazione della Polizia di Stato

98
  1. Si è svolta oggi, nel piazzale interno della Questura, la cerimonia celebrativa del 170° anniversario della Fondazione della Polizia di Stato.

Sempre nello spirito di condivisa vicinanza della Polizia di Stato ai cittadini, la ricorrenza ha riproposto il forte messaggio “ESSERCI SEMPRE” che, in un momento come questo, è ancora più indicativo e caratterizzante dell’impegno della Polizia di Stato a sostegno della collettività, mettendo in campo tutte le forze necessarie per il controllo del territorio teso anche  al rispetto delle misure restrittive connesse al quadro epidemiologico, con Pattuglie dislocate sul territorio e l’aggiornamento costante del sito della Questura per favorire l’interscambio di informazioni con il Pubblico.

In tale contesto, la cerimonia è stata  preceduta dalla deposizione di una corona d’alloro presso la stele dedicata alla memoria dei caduti della Polizia di Stato da parte del Questore, Dirigente Superiore Dr.ssa Pinuccia Albertina Agnello, alla presenza del  Prefetto di Ragusa, Dr. Giuseppe Ranieri, una rappresentanza dei Funzionari e del personale della Questura e dei Commissariati di Pubblica Sicurezza e di una rappresentanza dell’ANPS.

Dopo due anni di emergenza epidemiologica da Covid-19, che ha imposto forti limitazioni allo svolgimento di cerimonie celebrative, si è potuto organizzare una cerimonia alla presenza di autorità civili, militari e religiose, sebbene in numero ristretto per mantenere un profilo di sobrietà e prudenza stante la recente risalita della curva del contagio da covid, ma anche in rispetto della  contingente  situazione internazionale che vede in guerra Russia e Ucraina.

Ad inizio della cerimonia sono stati letti i messaggi del Presidente della Repubblica, del Presidente del Consiglio, del Ministro dell’Interno e del Capo della Polizia.

Il Questore nel suo discorso ha voluto innanzitutto sottolineare la forte ed incisiva azione sinergica con le altre Forze di Polizia presenti sul territorio, che ha contraddistinto i due lunghi anni dall’inizio della dichiarazione dello stato di emergenza sanitaria.

Ha voluto ricordare i numerosissimi servizi straordinari di controllo del territorio organizzati dalla Questura, in linea con le direttive ministeriali e gli indirizzi di coordinamento del Prefetto della provincia; servizi che hanno assicurato il rispetto della normativa emergenziale al fine di salvaguardare innanzitutto la salute pubblica e garantire la tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico.

Senza elencare i notevoli risultati conseguiti in tutti i campi di competenza dei vari uffici della Questura e dei Commissariati di Pubblica Sicurezza, il Questore ha sottolineato che, a fronte di un considerevole abbassamento delle percentuali relative ai reati contro la persona  e contro il patrimonio, sono stati registrati dati percentuali in aumento rispetto ai soggetti deferiti all’Autorità Giudiziaria, sia a piede libero che in stato di arresto, così come ha voluto mettere in luce i considerevoli risultati ottenuti dagli uffici investigativi nel campo della repressione dei reati in materia di droga; gli sforzi profusi da tutto il personale di Polizia in occasione degli sbarchi di immigrati clandestini; l’attenzione massima rivolta alla prevenzione del fenomeno del maltrattamento in famiglia ed alla violenza di genere; la professionalità con la quale sono stati svolti i servizi di controllo del territorio e i servizi di ordine pubblico in occasione di manifestazioni di contestazione alla normativa  emergenziale adottando anche atteggiamenti “di ascolto” nei confronti della collettività.

Il riconoscimento dell’Amministrazione dell’instancabile impegno di donne e uomini della Polizia di Stato della provincia è stato suggellato attraverso la consegna di attestati

per merito di servizio al personale che si è particolarmente distinto in svariate operazioni di polizia.

Non sono mancati i ringraziamenti per le organizzazioni sindacali della Polizia di Stato e dell’Amministrazione Civile dell’Interno della provincia per aver garantito un costante confronto dialettico, teso al raggiungimento di adeguati standard di benessere del personale nello svolgimento del quotidiano servizio istituzionale.

Un affettuoso riconoscimento ai  “veterani” dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato, attenti custodi dei valori e delle tradizioni della Polizia di Stato.

Confidando nella consueta attenzione della stampa e dei mass media locali, segue un compendio delle principali operazioni di polizia compiute  tra il mese di Marzo 2021 e il mese di Marzo 2022.

Durante il periodo di riferimento, significativi risultati sono stati raggiunti nell’ambito del contrasto alla criminalità operante sul territorio della provincia grazie al costante impegno delle strutture investigative della Squadra Mobile ragusana e delle  Squadre di P.G. dei Commissariati di P.S. di Vittoria, Modica e Comiso.

Le operazioni di polizia giudiziaria eseguite nel corso dell’anno 2021 e nei primi mesi del 2022 hanno meritato il giusto riconoscimento da parte dell’opinione pubblica, anche grazie all’attenzione dei mass-media e degli organi di stampa, in totale sintonia con la Procura della Repubblica di Ragusa, con la Procura Distrettuale Antimafia e la Procura dei Minori di Catania. Complessivamente sono state denunciate nr. 1423 persone e tratti in arresto  nr. 168 soggetti a seguito di operazioni di polizia giudiziaria di cui, solo a titolo esemplificativo, se ne richiamano  alcune:

  • In data 24 aprile 2021 personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto in flagranza un soggetto responsabile del reato della c.d.” truffa dello specchietto”
  • In data 4 maggio 2021 a seguito di complessa attività investigativa, personale della Squadra Mobile e personale del Commissariato di P.S. di Vittoria dava esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di due soggetti pregiudicati, responsabili di omicidio avvenuto a Vittoria il 12.9.2016, per scontare rispettivamente anni 16 e mesi 8 ed anni 16 di pena;
  • In data 3 giugno 2021 personale del Commissariato di P.S. di Vittoria individuava e denunciava all’A.G. otto soggetti responsabili di una violenta rissa, con lesioni, avvenuta a Scoglitti la sera del 29 maggio 2021. Nell ‘occasione venivano anche contravvenzionati 6 locali ubicati nella frazione balneare che, in violazione dei limiti orari imposti dalle disposizioni antiCovid, erano aperti ed in piena attività quando si era scatenata la rissa. Al titolare di uno dei locali, data la recidiva, veniva, altresì, notificato il provvedimento di chiusura temporanea dell’attività per 5 A seguito di ulteriori approfondimenti investigativi, in data 12 agosto 2021, venivano segnalate all’A.G. altre due persone corresponsabili della medesima rissa
  • In data 10.8.2021 personale della Squadra Mobile unitamente a personale del Commissariato di P.S. di Modica traeva in arresto due soggetti provenienti da altra provincia, padre e figlio, per il reato di furto aggravato in concorso in tre immobili di un condominio, da cui avevano sottratto oro e preziosi per un valore di circa 34.000 euro. I predetti utilizzavano un comprovato modus operandi che constava nel prendere di mira delle autovetture di soggetti benestanti, dimoranti nella zona rivierasca asportando le chiavi delle abitazioni dimenticate all’interno dei veicoli in sosta ed approfittando del fatto che gli stessi villeggianti fossero in vacanza in località balneari ne depredavano le abitazioni di città. Dopo aver consumato il furto ritornavano a sistemare le chiavi all’interno delle autovetture delle vittime, avendo cura di richiuderle a chiave per ritardare la scoperta dei furti.
  • Nel mese di agosto 2021 personale del Commissariato di P.S. di Modica traeva in arresto, in due distinte operazioni, otto soggetti responsabili del furto di 660 Kg. complessive di carrube;
  • In data 22 ottobre 2021 personale della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. di Vittoria identificavano e denunciavano all’A.G. due soggetti responsabili di lesioni gravi, rapina e sequestro di persona ai danni di un giovane;
  • In data 27 ottobre 2021 personale della Squadra Mobile e del Commissariato di S. di Vittoria  sottoponevano a fermo di indiziato di delitto un soggetto (minore) responsabile di tentato omicidio ai danni del padre;
  • In data 11 novembre 2021 personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Comiso all’esito di attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Ragusa, eseguiva sei ordinanze cautelari e, precisamente, cinque di applicazione della custodia in carcere e una di applicazione dell’obbligo di dimora, nei confronti di soggetti gravemente indiziati di furto aggravato e ricettazione di cavi conduttori di rame avvenuti nel corso del primo semestre 2021 tra le campagne dei comuni di Comiso, Vittoria, Chiaramonte e Acate;
  • In data 28 novembre 2021 personale del Commissariato di P.S. di Vittoria dava esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di un soggetto gravemente indiziato di aver commesso due rapine: una a luglio 2021, ai danni di un distributore di carburante ed  un’altra nell’agosto 2021, ai danni di un centro scommesse, da parte di un soggetto armato di coltello.
  • nel mese di novembre 2021 personale del Commissariato di P.S. di Modica eseguiva un’ordinanza cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di due soggetti ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dei reati di lesioni gravi, minacce, furto aggravato, danneggiamento e tentata rapina. In particolare, i due soggetti sono ritenuti essere gli autori dell’aggressione perpetrata nel luglio del 2021 nei confronti del titolare di un ristorante del centro storico di Modica, allorquando questi, proprio all’interno del suo ristorante, veniva brutalmente aggredito e minacciato e si trovava ad essere vittima di un furto aggravato e di una tentata rapina, venendo a subire peraltro un grave danneggiamento del locale con danni che ammontavano a circa 000 euro;
  • in data 2 dicembre 2021 personale della Squadra Mobile, in collaborazione con personale dei Commissariati di P.S. di Vittoria, al termine di attività investigativa, hanno dato esecuzione al Decreto di Fermo di Indiziato di Delitto nei confronti di 4 soggetti responsabili di omicidio ai danni di uno straniero;
  • in data 20 dicembre 2021: personale della Squadra Mobile ha dato esecuzione a tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti soggetti provenienti della provincia di Catania responsabili, in concorso con un soggetto di minore età, di due furti pluriaggravati presso due negozi siti in un centro commerciale, nonché di rapina impropria consumata presso un negozio sito in altro centro commerciale;
  • in data 20 dicembre 2021 personale del Commissariato di P.S. di Vittoria individuava e denunciava all’A.G. sei soggetti, due dei quali minorenni, responsabili di una violenta rissa, culminata con lo sfregio permanente del viso di uno dei corrissanti a seguito di un fendente sferrato con arma da taglio, avvenuta per futili motivi in pieno centro storico a Vittoria la notte del 28 novembre 2021.

 

 

A seguito della citata informativa di reato, in data 31 dicembre 2021, personale di questo Ufficio, unitamente a personale della Squadra Mobile, eseguiva ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dei 4  soggetti maggiorenni denunciati;

  • in data 17 marzo 2022 personale della Squadra Mobile unitamente a personale del Commissariato di P.S. di Vittoria, dopo un’attività investigativa individuava gli autori di sei furti aggravati consumati e/o tentati in danno di istituti scolastici, abitazioni private, attività commerciali, studi medici e studi legali e sede di patronato, denunciavano complessivamente sette soggetti, di cui alcuni in concorso con altri, responsabili dei reati di furto aggravato;

 

In materia di stupefacenti numerose sono state le operazioni di polizia giudiziaria che hanno portato al rinvenimento e sequestro di ingente quantitativo di sostanza stupefacente per complessivi kg. 242,100, di cui: Kg 2,800 di  Cocaina, Kg. 2.300 di Hashish e Kg 237 di Marijuana. Tra queste operazioni si annoverano:

 

– l’operazione del  mese di marzo 2021 condotta dal Commissariato di P.S. di Modica che ha portato all’arresto di un soggetto trovato in possesso di kg 1,300 circa di sostanza stupefacente del tipo hashish, di circa 51 gr. di sostanza stupefacente del tipo cocaina, nonché  della somma di denaro di 2.435,00;

l’operazione del 19 aprile 2021 che ha portato all’arresto di due soggetti trovati in possesso di gr. 1.070 di cocaina e la somma di 11.900 euro in contanti;

  • l’operazione del 28 maggio 2021 della Squadra Mobile che ha portato al sequestro di 142 piante di cannabis sativa del peso di 93 kg., coltivata all’interno di un terreno sito in una contrada di Scicli;
  • l’operazione del 16 settembre 2021 che ha portato all’arresto di un soggetto albanese che deteneva n. 41 piante di cannabis del peso di 100 kg. e piante già essiccate del peso di 8 kg.;
  • l’operazione del 12 novembre 2021 condotta dalla Squadra Mobile unitamente al  Commissariato  di P.S. di Modica  che ha portato all’arresto in flagranza  di due soggetti, un italiano ed un albanese che detenevano oltre 14 kg. di marijuana;
  • l’operazione del 2 dicembre 2021 condotta dalla Squadra Mobile congiuntamente al     Commissariato di P.S. di Modica, che ha portato all’arresto due soggetti trovati in possesso di kg. 2,192 di marijuana;

 

Inoltre, la I^ Sezione specializzata della Squadra Mobile (Reati contro la Criminalità Organizzata) ha condotto varie operazioni di polizia giudiziaria, tra cui:

in data 19 giugno 2021 personale della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. di Vittoria hanno    dato esecuzione alla misura dell’Ordine di carcerazione  nei confronti di un soggetto responsabile di associazione a delinquere di stampo mafioso in concorso, dovendo lo stesso scontare una pena di anni 11 mesi 1 e giorni 10 di reclusione.

In materia di “pedofilia” nel periodo di riferimento la Squadra Mobile ha eseguito n. 2 Fermi di Indiziato di Delitto, n. 2 Esecuzioni di ordinanze per la carcerazione e n. 5 denunce a piede libero nei confronti di altrettanti soggetti.

Anche nel settore dell’immigrazione clandestina, soddisfacenti risultati sono stati raggiunti grazie alle  attività  condotte dalla Sezione specializzata della Squadra Mobile, in occasione dei vari sbarchi presso il porto di Pozzallo, con 4 arresti e 42 denunciati in stato di libertà.

 

Pur nella ristrettezza della normativa antiCovid-19, non sono mancati incontri con le scuole della provincia, soprattutto secondarie di primo e secondo grado, attraverso piattaforme online  che hanno comunque consentito di raggiungere gli studenti per diffondere la cultura della legalità e del rispetto  di genere. In tale contesto la Questura di Ragusa ha promosso la partecipazione alla 4^ edizione del concorso “PreTendiamo Legalità” tra gli istituti scolastici della provincia, che ha visto coinvolti centinaia di studenti, con la partecipazione di numerose classi al predetto progetto/concorso.

Costanti sono stati inoltre incontri con personalità  esperte nel settore, che operano in perfetta sinergia con le organizzazioni sociali e le istituzioni interessate, tra cui innanzitutto la locale Prefettura,  la cui professionalità ha consentito  una equilibrata adozione dei provvedimenti amministrativi e giudiziari previsti.

Particolare attenzione è stata rivolta alle problematiche connesse alla violenza di genere per contrastare la quale sono state adottate diverse iniziative di sensibilizzazione ed informazione, una tra tutte la campagna divulgativa “Questo non è amore”.

Proficui, per il contrasto al fenomeno,  l’applicazione della normativa c.d “codice rosso” che ha consentito in più casi la esecuzione di tempestive misure restrittive a carico degli autori delle violenze nonché i provvedimenti di ammonimento del Questore per atti persecutori e per condotte riconducibili  ai reati di percosse e lesioni personali in ambito di violenza domestica istruiti dalla competente Divisione Anticrimine (complessivamente 21 provvedimenti di Ammonimento del Questore di cui n. 12 su richiesta degli interessati e n. 9 su iniziativa  per condotte riconducibili ai reati di percosse e lesioni personali in ambito di violenza domestica).

Altresì, per reati connessi ai maltrattamenti in famiglia, alla violenza di genere e al c.d. “stalking”, nr. 6 persone sono state tratte in arrestonr. 22 denunciate in stato di libertà all’A.G.

In relazione all’attività di monitoraggio ed analisi dei fenomeni criminali in ambito provinciale, l’attenta pianificazione delle attività effettuata dalla Divisione Polizia Anticrimine, ha determinato l’adozione di incisive misure di prevenzione di cui al D.Lgs. 159/2011, sia di competenza del Questore, quale Autorità Provinciale di P.S., sia di competenza dell’Autorità Giudiziaria su proposta dello stesso, nei confronti di soggetti responsabili di reati di vario genere e/o di persone indiziate di appartenenza ad associazioni mafiose. In particolare, nel periodo preso in esame 36 sono stati i divieti di ritorno e 56 gli avvisi orali emessi da parte del Questore mentre 9 sono state le proposte di sorveglianza speciale di P.S. avanzate al Tribunale di Catania.

Inoltre, incisiva è stata l’attività collegata al contrasto degli atti di violenza in occasione di manifestazioni sportive, in esito alla quale il Questore ha emesso 11 D.A.SPO. (Divieti di Accesso a luoghi nei quali si svolgono attività Sportive).

Infine, per contrastare il crescente degrado dei centri urbani, rafforzare il senso di sicurezza dei cittadini, garantire la serena a vivibilità dei territori nonché promuovere interventi volti al mantenimento del decoro urbano,  sono stati emessi 6 D.A.C.UR.- Daspo Urbano (Divieto di Accesso a specifiche aree urbane) per fatti accaduti nei Comuni di Comiso e di Modica.

La costante azione di controllo del territorio svolta dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha permesso il raggiungimento di importanti risultati, sotto il profilo della prevenzione generale, accrescendo la fiducia del cittadino che, in modo sempre più consapevole, segnala fatti di rilievo tramite il 112 NUE o avvalendosi anche dei nuovi sistemi informatici, quali l’applicazione YouPol,  contribuendo a realizzare una forma di  sicurezza partecipata, a garanzia e tutela di tutti.

In provincia, gli uffici destinati al controllo del territorio hanno complessivamente identificato nr. 52.303 persone e proceduto al controllo di nr. 21.378 autoveicoli.

Nell’ottica del coinvolgimento e della partecipazione che si è sviluppata  con l’azione di sensibilizzazione svolta dal personale della Questura di Ragusa, con la collaborazione  della Polizia Stradale e della Polizia Postale, nelle rispettive materie di specifica competenza di specialità, numerosi sono stati gli istituti scolastici della provincia raggiunti su piattaforme online, con il coinvolgimento di  migliaia di studenti, sui temi di  bullismo e cyberbullismo, violenza di genere, uso di droghe ed abuso di alcool, sicurezza stradale, utilizzo dell’App YouPol e sui valori della legalità,  con il diretto coinvolgimento di docenti.

Durante l’anno l’azione informativa della Questura ha proseguito ininterrottamente, alimentata anche sulle piattaforme Facebook con più di 24.392 “follower” ed Instagram (che conta 2705 “like”, veicolando informazioni utili per prevenire la commissione di reati e portare a conoscenza del cittadino iniziative e progetti di legalità oltre che notizie sui risultati dell’attività quotidiana d’istituto.

Rilevante il contributo fornito dalla Digos, che ha continuato a garantire ogni utile informazione per la predisposizione dei servizi di ordine pubblico, in stretto contatto con l’ufficio di Gabinetto del Questore. Fondamentale l’azione di monitoraggio di ogni fenomeno socio-politico ed economico e il costante dialogo con gli ambienti sindacali,  politici e dell’associazionismo della Provincia, che ha consentito l’esercizio dei diritti costituzionalmente garantiti nel rispetto delle normative vigenti che hanno imposto regole e misure di contenimento della diffusione del virus.

Anche il 2021 e questi primi mesi del 2022 sono stati di grande impegno per la Questura di Ragusa in termini di predisposizione di numerosissimi servizi di ordine pubblico, sempre in linea con le direttive ministeriali e con il  coordinamento della Prefettura, che hanno visto il concorso  delle altre Forze di Polizia e spesso anche delle Polizie Locali, attraverso i previsti  Tavoli Tecnici del Questore (in totale nr. 30).

Sono state emesse complessivamente nr. 1873 Ordinanze dall’ufficio di Gabinetto, per controlli straordinari del territorio, per servizi in occasione di rilascio immobili, servizi per festività e ricorrenze di particolare richiamo, servizi in occasione di sbarchi, manifestazioni di protesta e per servizi finalizzati all’osservanza delle misure di contenimento e contrasto alla diffusione del COVID-19.

Non sono mancati i controlli di prevenzione antidroga presso le scuole della provincia con l’ausilio delle unità Cinofile della Polizia Stato e presso i luoghi di ritrovo di soggetti sospettati di spaccio di stupefacenti a Ragusa e provincia.

Nel periodo in esame si è registrato un aumento degli sbarchi e trasferimenti, complessivamente n. 123,  per un totale di nr. 8075 migranti  trattati, con un incremento del 60% rispetto all’anno precedente, che hanno impegnato la Polizia di Stato nei servizi di identificazione  e collocamento, con l’impiego di unità operative specializzate dell’Ufficio Immigrazione, della Squadra Mobile, della Digos e della Polizia Scientifica. I servizi di vigilanza e ordine pubblico presso la struttura di Pozzallo hanno visto impegnate ben 4766  unità della Polizia di Stato territoriale e 24833 unità dei Reparti organici, 16574 unità tra Carabinieri e Guardia di Finanza e oltre 35.770 militari dell’Operazione “Strade Sicure”.

Costante è stato l’impegno dell’Ufficio Immigrazione che in relazione all’attività connessa agli sbarchi e trasferimento di migranti in questa provincia, nonché all’esatta applicazione della normativa e delle procedure vigenti in materia di soggiorno sul Territorio Nazionale, procedendo con nr. 486 provvedimenti di respingimento e nr. 57 espulsioni dal Territorio Nazionale. Inoltre, nell’anno in esame sono stati acquisiti e lavorati nr. 11927 permessi di soggiorno e 1264 pratiche di emersione dei rapporti di lavoro subordinati.

Altra importante realtà territoriale della Polizia di Stato della Provincia di Ragusa è la Specialità Polizia Stradale che, con le sue pattuglie auto e moto montate assicura il controllo del rispetto del codice della strada e delle normative speciali che attengono al trasporto pesante e al trasporto di cose ed animali nonché alla tutela del lavoratore e alla sicurezza della circolazione sulla viabilità extraurbana e statale. Fondamentale è l’azione della Polizia Stradale nel campo dei controlli finalizzati all’accertamento dell’uso di sostanze stupefacenti e di alcool. Significativa è stata l’attività legata al contrasto sull’illegalità del settore autotrasporto ed abusivismo, eseguita secondo  modalità e protocolli di sicurezza. Altresì, importante è stato l’impegno delle pattuglie di vigilanza stradale finalizzate al rispetto delle norme del CDS, soprattutto in ragione delle misure di contenimento dettate dalla emergenza pandemica da SARS COV2. Nel contesto delle specifiche attività svolta anche attraverso , la Polizia Stradale ha tratto in arresto n. 3 persone e denunciato all’Autorità Giudiziaria n. 117 persone, procedendo al ritiro di n. 165 patenti, al sequestro amministrativo di n. 476 veicoli e al fermo amministrativo di n. 233 veicoli.

La Sezione della Polizia Postale e delle Comunicazioni – le cui indiscutibili e riconosciute competenze specialistiche nel campo dei reati informatici, cybercrime, pagamenti elettronici e truffe on-line, nonché dei reati contro la persona con l’utilizzo di social network e siti illegali, completano l’azione di prevenzione e repressione condotta dai reparti investigativi della Polizia di Stato di questa provincia, ha individuato gli autori di episodi delittuosi afferenti alla pedopornografia (n. 11 persone denunciate e n. 1 persona arrestata su 18 casi trattati); al revenge porn, con la trattazione di n. 138 casi ( n. 69 persone denunciate su 138 casi trattati) e, soprattutto, nell’ambito delle truffe online (trading on -line, e-commerce, immobiliari e sentimentali)  e delle frodi online (phishing, malware, sim swap, CEO, siti cloni, smishing, ecc.) con la trattazione per la prima fattispecie di reato  di 150 casi con somme interessate per l’importo complessivo  di 404.126.00 euro e per la seconda, la trattazione di n. 166 casi trattati.