Corruzione e truffa, ai domiciliari il parroco della Cattedrale di Piazza Armerina

2785

C’è anche un sacerdote della Diocesi di Piazza Armerina e due consiglieri del Comune di Gela tra i destinatari delle misure cautelari eseguite dai carabinieri del reparto territoriale di Gela su disposizione della locale Procura. Si tratta di don Giovanni Tandurella parroco della cattedrale di Piazza Armerina mentre i due consiglieri sono di FdI. Quattro in tutto gli indagati: una persona è finita ai domiciliari, per altri tre è stato disposto il divieto di esercitare per un anno uffici direttivi in imprese o società e l’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria. Sono accusati a vario titolo di corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, circonvenzione d’incapace, truffa, appropriazione indebita e riciclaggio.