Chiude la piscina stagionale di via Archimede

534

Niente sacchi di sabbia vicino alla finestra, o meglio alla vetrina. Niente meme con olimpionici di nuoto che prova a sfidare le acque torbide, né auto che finiscono intrappolate. Niente transenne e fiumi di post a stramaledir il tempo ed il ‘governo’.

Sì, perché il sindaco ha annunciato: si faranno i lavori per evitare che, quando piove, il tratto di strada difronte alla cartoleria Criscione&Criscione diventi una piscina.

Il post del sindaco:

“Sono stati aggiudicati i lavori progettati per contrastare il cronico fenomeno dell’allagamento di via Archimede, con la realizzazione di collettori di acque bianche tra Piazza Croce, Via Lisia e il Piazzale antistante la Polimeri Europa, e tra via Ducezio e lo stesso Piazzale. Si compie quindi l’ultimo passo propedeutico all’apertura dei cantieri prevista a settembre.
Si tratta di due opere che rientrano in un pacchetto di 5 interventi finalizzati al contrasto del rischio idrogeologico, finanziati dal ministero dell’interno con un milione di euro ciascuno, tutti recentemente appaltati. Questi gli altri interventi: realizzazione di un collettore di acque bianche in via Carducci, consolidamento della roccia nelle Latomie di Cava Gonfalone, nuova condotta per lo smaltimento delle acque bianche nella Vallata San Domenica.
Il lavoro di progettazione è stato complesso e si è potuto contare su un finanziamento non scontato, ottenuto in virtù di parametri di bilancio in linea con i requisiti previsti dal bando ministeriale.
Ci vorranno ancora mesi perché opere pubbliche di questa portata vengano realizzate, ma stiamo perseguendo con tenacia l’obiettivo di mettere in sicurezza alcune aree della città maggiormente colpite dagli effetti dei cambiamenti climatici e dalla mancanza negli scorsi decenni di una seria programmazione urbanistica”.