Cavalli e asini di Calaforno non si vendono. La Regione cambia idea

167

«Il dipartimento regionale Sviluppo rurale e territoriale ha sospeso l’asta degli equidi a cura dell’Azienda pilota regionale per l’allevamento dell’asino di razza “Ragusana”, a Calaforno».

Lo si legge in una nota della Regione.

«La sospensione per effetto di una determina odierna a firma del dirigente generale del Dipartimento è stata decisa nelle more “che nel più breve tempo possibile, si trovi una soluzione alternativa alla eventuale cessione dei capi oggetto della procedura di evidenza pubblica”, si legge nella determinazione», prosegue il documento.

«Il provvedimento è stato assunto nel rispetto del piano di interventi del Dipartimento che ha come obiettivi prioritari la conservazione dell’asino ragusano e la valorizzazione dell’area demaniale di Calaforno».

Era stata la Lav a denunciare che i 25, tra cavalli e asini, salvati dal rogo di Calaforno, dovevano essere venduti, rischiando anche di essere macellati.