Gli studenti di Marina di Ragusa senza palestra da tre anni

102

Da ben tre anni gli studenti del plesso scolastico Quasimodo di Marina di Ragusa sono costretti, loro malgrado, a svolgere l’attività fisica all’aperto.

Lo denuncia Angelo La Porta, presidente del movimento civico Territorio: “Una vicenda paradossale, con l’unica palestra comunale chiusa da ben tre anni. L’amministrazione Cassì, ancora una volta, ha dimostrato il totale disinteresse verso le problematiche della scuola e dei residenti di Marina. Un’amministrazione incapace nel saper gestire l’ordinario e non saper programmare assolutamente nulla. Si attende un finanziamento da parte della Regione. Ma chi dovrà sbloccare l’intero iter? A quali santi in paradiso il Comune si dovrà rivolgere? Quanti anni si dovranno attendere per rendere funzionale ed efficiente la palestra comunale? Fortunatamente questa amministrazione è oramai al capolinea”.

Non solo la palestra del plesso scolastico Quasimodo ma anche i campetti all’aperto del villaggio Gesuiti necessitano di un restyling complessivo. “La struttura è fatiscente con la rete di recinzione in più parti divelta – aggiunge la Porta  ed una porta pericolante, staccata dall’innesto e legata con un fil di ferro alla rete di recinzione. La struttura comunale necessita di un intervento di messa in sicurezza per evitare spiacevoli incidenti ai bambini che la utilizzano.  Sul campetto tensostatico, al coperto, sembra strano che sia utilizzato solo dal tennis escludendo, di fatto, l’utilizzo anche ad altri sport ed eventi vari. Ricordo che questa struttura era stata realizzata per aggregare vari sport e organizzare anche eventi sportivi” conclude La Porta.