Sequestrata una tonnellata di rame a una ditta catanese

224
Furti di rame, telefoni muti a Fortugno

La Polfer della Sicilia ha svolto controlli su strada, lungo linea e in 12 centri di raccolta e trattamento di rifiuti speciali e metallici dislocati, verificando il possesso delle autorizzazioni all’esercizio dell’attività ed al trattamento dei materiali nonché il rispetto delle normative ambientali e la tracciabilità dei materiali trattati.

A Catania, gli agenti hanno sequestrato, a una ditta che si occupa della trattazione dei metalli, oltre 1 tonnellata di rame di dubbia provenienza, in parte già sguainato, bruciato e sminuzzato, di cui circa 250 chili sono stati riconosciuti come materiale in uso alla Telecom.

I controlli hanno evidenziato che la ditta non aveva né le necessarie autorizzazioni alla lavorazione dei metalli, né la documentazione per risalire alla tracciabilità del materiale. A seguito degli esiti degli accertamenti, i poliziotti hanno denunciato la rappresentante legale della ditta per i reati di attività di gestione e combustione illecita dei rifiuti e ricettazione.