Torna il presepe vivente alla parrocchia San Paolo di Ragusa

234

Un piccolo viaggio che diventa preghiera e riflessione su un grande mistero della fede, quello della Nascita di Gesù. Torna il presepe vivente della parrocchia San Paolo apostolo a Ragusa in cui ogni visitatore è completamente coinvolto, anzi ne diventa parte integrante, dallo scenario grazie a suoni, effetti scenici e interpretazione dei personaggi. Le caratteristiche? Figuranti in abiti del tempo, scene ordinarie di una vita semplice e complessa a un tempo per favorire un salto indietro nel tempo, così da ritrovarsi in una piccola Betlemme tutta da scoprire e da vivere. Un cammino che si propone, dunque, come una vera e propria riflessione sulla bellezza della nascita di Gesù. Tra l’altro, il percorso si sviluppa su un’area all’aperto senza barriere architettoniche: ci sarà la presenza di animali da ammirare, di mestieri andati perduti nel tempo, il tutto condito da luci soffuse e profumi suggestivi. Il parroco, il sacerdote Mauro Nicosia, e l’intera comunità parrocchiale invitano tutti i fedeli a partecipare alla terza edizione della rappresentazione vivente destinata ad essere ancora più ricca e articolata nell’ambito del cortile parrocchiale. L’originalità di questo presepe, che quest’anno sarà ancora più marcata, è quella di essere di carattere ebraico, con figuranti che indossano l’antico vestiario, con arti e mestieri tipici di più di 2000 anni fa. I lavori per l’allestimento sono già entrati nel vivo domenica scorsa. Un appuntamento, dunque, patrocinato dal Comune di Ragusa, da annotare nelle agende degli impegni natalizi. Il presepe sarà visitabile nelle giornate del 26 dicembre, 1, 6 e 7 gennaio dalle 18,30 alle 21,30. L’ingresso è gratuito e il percorso, come detto, è accessibile ai diversamente abili. Il 26 dicembre alle 18,30 ci sarà l’inaugurazione della rappresentazione vivente con la processione dei figuranti.