Aggressione e rapina a Comiso: emesse due misure di custodia cautelare

1193
Rissa
Immagine di repertorio

La Polizia di Stato di Comiso ha eseguito due misure di custodia cautelare emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari  presso il Tribunale di Ragusa, nei confronti di due stranieri, residenti da tempo a Comiso, autori di una rapina ai danni di un ignaro cittadino e subito dopo di una aggressione con spranghe e mazze a danno di altra persona.

Sabato notte del 26 novembre scorso, è giunta la richiesta di soccorso di due persone per  aggressione. La volante intervenuta, constatava la presenza di due persone ferite: la prima raccontava di essere stata presa a sprangate e poi rapinata del cellulare mentre rientrava presso la propria abitazione da due soggetti. La seconda persona ferita aveva anche subito il danneggiamento della porta d’ingresso con spranghe di ferro.

Le modalità violente di due episodi indirizzavano i poliziotti sulle tracce di un uomo che in estate era stato autore di una aggressione in danno dello stesso proprietario della casa danneggiata (arrestato in quel frangente per resistenza a pubblico ufficiale) e per avere aizzato in pieno centro comisano il proprio cane contro un anziano signore, che nell’occorso aveva riportato gravi lesioni.

Tali elementi indiziari, corroborati da elementi oggettivi quali le registrazioni dei sistemi di videosorveglianza pubblici e privati consentivano agli Agenti di individuare ed identificare soggetti, ritenutosi responsabili dei reati commessi.

Il quadro inquisitorio ricostruito veniva pienamente condiviso dalla Procura della Repubblica di Ragusa, che si chiedeva al GIP l’adozione di idonee misure restrittive finalizzate altresì a scongiurare il pericolo della commissione di altri reati contro la persona, anche in considerazione della gravità delle condotte poste in essere dagli aggressori.

I due uomini, A.A. 36enne ed T.Z. 30enne, tunisini, sono stati pertanto condotti alla Casa Circondariale di Ragusa.