Ragusa, il ministro dello Sport Andrea Abodi incontra Giovanni Cultrera

143

Un’ora importante. Aperta dal capogruppo di Fratelli d’Italia all’ARS, Giorgio
Assenza, che ha ribadita l’importanza dello sport nella crescita del Paese, proseguita
con il senatore di Fratelli d’Italia, Salvo Sallemi che ha sottolineata l’importanza dei
partiti garanti e simbolo della democrazia, polemizzando, anche con ironia, con chi
ne disconosce il valore salvo poi andare a bussare alle loro porte per chiedere; sino
all’intervento di Giovanni Cultrera, candidato sindaco del centrodestra a Ragusa.
Così, il capoluogo ibleo ha accolto Andrea Abodi, ministro dello Sport. Uomo del
Governo di Giorgia Meloni, venuto a Ragusa per dare un ulteriore segno tangibile
della vicinanza dell’esecutivo di Roma a Cultrera.
Dopo avere incontrato la premier a Roma, adesso la presenza qui, a Ragusa,
del ministro Abodi. Sono i segnali tangibili dell’attenzione che le massime istituzioni
del Paese hanno per la nostra città”. Con queste parole, Cultrera ha salutato il
ministro, Abodi, prima di evidenziare, con malcelato orgoglio, l’attenzione di Roma
verso la sua Città e verso il suo impegno per una Ragusa che ha bisogno delle più
alte istituzioni per risollevarsi da un periodo troppo buio. E in questo senso, Cultrera
ha ribadita l’importanza dello sport nel capoluogo – c’erano, ieri sera, rappresentanti
di tante società sportive di Ragusa che hanno anche posto domande al ministro,
ricevendone le risposte – e l’importanza dell’impiantistica sportiva, dimenticata da
chi ha amministrato, abbandonata a se stessa, gestita in modo discutibile come
dimostra l’affidamento gestionale della piscina, disconosciuta da tutte le società di
nuoto della città che non hanno partecipato al bando. “Sono dubbi che un sindaco
dovrebbe porsi”, ha detto Cultrera pensando al primo cittadino uscente e ai suoi
silenzi in materia.
Il ministro Abodi, dal suo canto, ha speso parole importanti per Giovanni
Cultrera, con cui ha avuto uno scambio di battute in privato prima e dopo l’incontro. Ha parlato di come c’è un vero interesse per realtà importanti come Ragusa da parte
del governo di cui fa parte, ha sottolineato il rapporto scuola-sport-impiantistica per
la crescita sociale di una comunità ed ha ribadito che il tema dello sport è centrale
nelle politiche dell’esecutivo. A Giovanni Cultrera, ha anche rivolto l’invito a trovare
in lui un interlocutore per qualunque esigenza riguardi la città di Ragusa,
evidenziando proprio in questa linea istituzionale, una chiave di lettura
fondamentale per dare risposte ai territori e creare sinergia