Strade impraticabili, Cna ragusana realizza un book fotografico

803

Nel nostro territorio persone e merci si muovono su strade insicure e continuamente interrotte. In questo periodo di ferie abbiamo realizzato un piccolo book fotografico per evidenziare le condizioni di una rete viaria locale non solo poco adeguata ma sottoposta ad una “manutenzione” perenne che la rende ancora più impraticabile. E quanto evidenziano, in una nota, il presidente territoriale Cna Ragusa, Giuseppe Santocono, con il responsabile organizzativo della Cna di Vittoria,Giorgio Stracquadanio, e con il responsabile organizzativo della Cna di Comiso, Andrea Distefano. La Strada provinciale n. 5 è un’arteria fondamentale per la viabilità del territorio ipparino spiegano i tre allunisono oltre ad avere, lungo tutto il suo percorso, una carreggiata stretta e poco adeguata a causa della mole di traffico, (soprattutto di tir), che da sempre la caratterizza, da anni, nel tratto che costeggia l’aeroporto di Comiso, è interrotta per la costruzione di un canale e di una rotonda.  Un mezzo che parte carico di ortofrutta dal mercato ortofrutticolo di Vittoria o un turista che arriva allaeroporto di Comiso è costretto ad inoltrarsi in un dedalo di interruzioni, diventato oramai permanente. Inoltre, la Sp n.5 collega il nostro territorio con la Ss 514, la cosiddetta RagusaCatania, un’arteria con un manto stradale in condizioni per nulla agevoli che nel tempo è diventata una sorta di bancomat per alcuni Comuni. Infatti, è disseminata di autovelox trappola che servono a far cassa, ma le somme incassate non vengono per nulla utilizzate nel riqualificare l’asfalto.

Dopo oltre vent’anni di lotte, di proteste, di morti ancora la Cna nel maggio scorso sono iniziati i lavori del raddoppio di questo importante asse viario.  Percorrendo il tratto che comincia da contrada Castiglione, andando verso Chiaramonte, fino al bivio per Grammichele, abbiamo visto alcuni pezzi della futura opera delimitati da picchetti e rete, ma non c’è lombra di un container da cantiere o di un mezzo di scavo. Sono passati già tre mesi: quanto tempo deve ancora passare per vedere l’inizio vero dei lavori? Si prefigurano già da ora ritardi e approssimazione? Ma la deputazione regionale e nazionale non vede nulla? Quando percorre queste “strade” per recarsi a Palermo, o per prendere un volo per Roma, non si accorge di niente?”.