Rintracciata a Ragusa una minore scomparsa a Forlì

1139

E’ stata rintracciata a Ragusa da una pattuglia della Polizia di Stato la minore scomparsa a Forlì il 30 maggio. La madre si era rivolta alla Questura di Forlì per denunciare la scomparsa della figlia tredicenne, fornendo la descrizione della giovane. La stessa aveva poi aggiungo che la giovane si era allontanata senza telefoni, carte di credito e denaro. Aveva portato con sé solo uno zaino e un’agenda.

Dopo l’attivazione del Piano di Ricerca delle Persone Scomparse, personale della Squadra Mobile di Forlì ha avviato le attività informative sentendo amiche e conoscenti, compreso il monitoraggio dei social. Grazie anche alla collaborazione della Polizia Postale e delle Squadra Mobile della Questure di Reggio Emilia e di Brescia, è stato possibile ricostruire il percorso svolto dalla giovane che, dopo essersi allontanata da Forlì, ha preso il treno per dirigersi a Modena e a Brescia.

Gli investigatori della Squadra Mobile di Brescia hanno quindi rintracciato ieri, a Salò, un cittadino straniero che, dal monitoraggio svolto dagli investigatori di Forlì, aveva avuto un incontro con la giovane dopo la scomparsa. L’uomo, inizialmente poco collaborativo, ha infine ammesso di averla incontrata e di aver appreso dalla minore che voleva andare in Sicilia. Le ricerche si sono quindi spostante nell’isola e concentrate, in particolare, a Ragusa. Proprio qui la minore è stata rintracciata dalla Squadra Mobile della Questura.

Sono in corso accertamenti per comprendere i motivi del viaggio in Sicilia, presumibilmente per raggiungere un’amica. La Polizia di Stato ha subito avvertito la madre che ha ringraziato i poliziotti per il loro operato.