Con “Nicareddu” Nico Arezzo è tra i vincitori di Musicultura

142

Sono partiti in 1.187, ma i vincitori di Musicultura, uno dei contest più importanti di Italia, sono stati solo 8 e tra loro c’è il ragusano Nico Arezzo. Giovane, appena 25 anni, ma con un talento enorme che lo ha portato negli anni a partecipare a diversi contest e talent musicali. Ultimo, in ordine di tempo, è appunto Musicultura.

Adesso, gli otto cantanti parteciperanno alla fase conclusiva della XXXV edizione del Festival che si svolgerà a Macerata dal 17 al 22 giugno, dove verrà decretato il vincitore assoluto.

E Nico ha conquistato il Comitato Artistico di Garanzia di Musicultura con un brano che lui stesso reputava difficile,“Nicareddu”, scritto in siciliano, sapeva che c’era la possibilità che, non venendo comprese pienamente le parole, poteva venire penalizzato. Ma così non è stato.

“Nicareddu – ci racconta Nico – è autobiografico. Narra di un ragazzo, poco più che bambino, costretto a lasciare la sua terra e la sua famiglia e, per quanto si trovi bene anche in altri posti, ha sempre una dolce malinconia che lo accompagna e una voce che gli sussurra nel vento che i suoi cari stanno tutti bene”.

“Un brano – prosegue –  ovviamente a cui sono molto legato che, nell’album ‘Non c’è mare’, uscito lo scorso 17 maggio, è una bonus track, quindi presentarlo in un contesto nazionale è stato un azzardo, ma sono felice che la canzone sia stata compresa e che le emozioni che l’ha fatta nascere siano arrivate”.

 

Adesso a Nico, oltre alla finale di Musicultura, lo attende un tour nazionale che lo porterà anche nelle nostre zone: il 17 agosto sarà a Calamari.

Se vi siete persi la sua esibizione, ecco il link di Raiplay:

https://www.raiplay.it/video/2024/06/XXXV-edizione-Musicultura-Festival—I-finalisti-c0624cbb-5f00-4e8a-9f00-b04486a87f7d.html

E il testo della canzone che Nico Arezzo ci ha gentilmente concesso:

Nicareddu

 

Autore e Compositore: Nico Arezzo

 

Comu u vìento ca mi ricìa:

“Pigghia u focu e tenatillu ppi ttia”

U nicareddu u pusau rintra u mari

U talìa, u talìa

Dòrmiri

 

Nun u sapi ch’iddi ‘nsi vonnu beni

Rici u focu: “docu ‘nci vuogghiu stari”

Ma u mari ca ti sapi scutari

Nun u lassau, nun u lassau

Stutàri

 

“Ah nun mi lassari

Ca dumani nun mi truovi

Cca ci moru sièntu friddu, ppi favuri”

“Ah viri ca fari

Nun ti ci fari ciù pinseri

Ca poi c’è tempu, poi c’è tempu

Ppi turnari”

 

U vientu

Ca ti sciuscia cunfortu

Ciatu miu, rici ca

Stannu beni