Il carcere di Gangi set del film “Il depistaggio” di Aurelio Grimaldi

47

Il carcere di Gangi per un giorno è stato il set cinematografico del film “Il depistaggio” di Aurelio Grimaldi. Ancora una volta il regista siciliano ha scelto quello che doveva essere un carcere di massima sicurezza (mai attivato) come location per girare i suoi film d’inchiesta.

Il depistaggio parla della strage di via D’Amelio ed è prodotto dalle società Movie 4.0 e Arancia cinema. Nel film si ricorda la figura di Paolo Borsellino e insieme la dignità e la forza d’animo delle sue figlie Fiammetta e Lucia e del figlio Manfredi. E il coraggio del nuovo procuratore di Caltanissetta Sergio Lari che ha riaperto le indagini e smontato punto per punto il lavoro dei suoi colleghi che lo avevano preceduto. Tra i protagonisti del film: Tuccio Musumeci, Nino Frassica, Tony Sperandeo, David Coco, Maurizio Marchetti, Lucia Sardo e Francesca Ferro, figlia d’arte, (papà Turi è stato un grande attore siciliano). Tra le scene girate nel carcere di Gangi, in due corridoi e nelle docce, il pestaggio in cella di Vincenzo Scarantino, interpretato dal giovane e bravo attore palermitano Vittorio Magazzù. Altre scene girate anche con Andrea Tidona.

Ringrazio il regista Aurelio Grimaldi – ha detto il sindaco Giuseppe Ferrarello – per aver scelto ancora una volta il nostro carcere (mai utilizzato) come set di un film importante, la struttura è di proprietà comunale, un luogo unico che si presta bene a girare scene all’interno di un penitenziario infatti è già la quarta volta che ospitiamo produzioni cinematografiche”.