Un uomo muore carbonizzato in casa a Scicli

Potrebbe essere stata una coperta scalda-sonno o una stufetta dimenticata accesa, a causare la terribile morte del 55enne sciclitano disabile, costretto a vivere su una sedia a rotelle. L’uomo è morto carbonizzato dopo che le fiamme lo hanno avvolto in pochissimo tempo senza lasciargli scampo nella sua abitazione di via Sant’Antonio a Scicli.

I vicini di casa sotto shock hanno riferito di avere udito le urla strazianti dell’uomo, oltre a delle piccole esplosioni, e poi di aver visto le fiamme che in breve tempo hanno avvolto lo stabile da cui usciva denso fumo nero. Nessuna possibilità di salvezza per l’uomo.

In un primo momento si era profilata l’ipotesi del suicidio dato che alcuni giorni fa l’uomo aveva tentato di suicidarsi ingerendo una massiccia dose di barbiturici. Enrico, questo il nome del 55enne, viveva in una situazione di solitudine. Questa mattina il terribile epilogo. Sul posto sono immediatamente intervenuti gli operatori del 118 oltre ai vigili del fuoco che non hanno potuto fare altro che spegnere le fiamme e aspettare il medico legale per accertare le esatte cause del decesso.