La nuova mappa dell’istruzione in Provincia

9

Al Dipartimento regionale dell’Istruzione e della Formazione si discute di dimensionamento scolastico: sono parecchi gli Istituti di istruzione superiore della Provincia di Ragusa che, a causa di un ridotto numero di iscritti, dovranno essere accorpati ad altri a partire dal prossimo anno.

 

Tra questi c’è il Liceo Classico Tommaso Campailla di Modica, il più antico istituto di istruzione superiore della Provincia di Ragusa e certamente tra i più antichi d’Italia, essendo stato istituito nel 1878. Dopo anni di tentativi fatti per salvarne l’identità, stavolta è stato inevitabile l’accorpamento che in un primo momento era stato ipotizzato con l’Istituto tecnico commerciale Archimede, e invece pare avverrà con il Liceo Scientifico “G. Galilei”: un passaggio piuttosto naturale, se si tiene conto non solo delle affinità didattiche ma anche del fatto che lo Scientifico nacque, parecchi anni fa, proprio da una “costola” del Classico. Adesso è probabile che inizierà una battaglia per l’identità dell’istituto e se non altro per preservarne il nome.

 

Ma non è certamente questa l’unica scuola che subirà un accorpamento: c’è il Liceo Scientifico Cannizzaro di Vittoria, che dovrebbe essere accorpato al Magistrale, e l’Istituto tecnico industriale Majorana di Ragusa, in bilico.  Si salva l‘istituto statale d’arte di Comiso, per cui si era proposto l’accorpamento e che resterà invece autonomo.

 

In compenso saranno attivati altri 5 nuovi indirizzi, tra i 74 complessivi che verranno introdotti a livello regionale.

Si tratta degli indirizzi: “grafica e design” al Liceo Artistico di Modica, “servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera” al Marconi di Vittoria, “servizi socio-sanitari, articolazione ottico” al Grimaldi di Modica, “agraria agroalimentare e agroindustria, articolazione produzioni e trasformazioni” al Majorana di Ragusa, “scienze applicate nel liceo scientifico” al Fermi di Ragusa.

Intanto anche a Scicli potrebbe esserci qualche novità: la Giunta ha infatti deliberato e richiesto all’Assessorato regionale l’attivazione del corso a indirizzo musicale presso l’istituto superiore Cataudella.

 

In fase di dimensionamento sono anche gli istituti di istruzione primaria e media inferiore.

 

A Ragusa, “Pascoli” dovrebbe mantenere tutti i plessi, compreso San Giacomo; il Comprensivo Schininà, mantiene i plessi già esistenti ed ingloba la Rodari; la “Quasimodo”, ingloba la Mariele Ventre; la “Vann’Antò”, ingloba la Paolo Vetri; la “Berlinguer”, ingloba i plessi della Crispi di via Stesicoro, Carducci e Teocrito; la “Crispi”, ingloba la Cesare Battisti.

 

A Modica la “Carlo Amore” di Frigintini alla fine ha inglobato la De Amicis, nonostante la proposta fosse quella di creare un comprensivo di Modica Alta, con Piano Gesù e S.Teresa. Per il resto, l’istituto comprensivo “Ciaceri” dovrebbe inglobare il plesso S.Marta; la Giovanni XIII dovrebbe inglobare il Plesso Pirato; la “Giacomo Albo” dovrebbe acquisire il plesso Cozzo Rotondo.

 

A Scicli vengono aggregati il 2° Circolo didattico all’Istituto Comprensivo Scicli centrale, mentre si manterrà l’autonomia dell’Istituto Comprensivo Don Milani ed Elio Vittorini di Donnalucata.