Le politiche del turismo, tra il Consorzio e il Distretto

1

Sono ventisei le richieste pervenute entro i termini, scaduti oggi, a Palazzo San Domenico di adesione al bando pubblico per la costituzione come soci fondatori del “Consorzio degli operatori turistici della Città di Modica”. Hanno aderito numerosi imprenditori turistici titolari di associazioni a cui fanno capo complessi ricettivi di ogni categoria, associazioni di categoria, fondazioni culturali e un istituto bancario. Chiuso il bando si procederà adesso alla costituzione del Consorzio attraverso la formalizzazione di un atto notarile.

 

“Questi sono giorni cruciali – ha commentato l’assessore Anna Maria Sammito –  per le prospettive e l’evoluzione delle politiche turistiche nella nostra città: da un lato, a livello comunale, si sta lavorando per attivare il Consorzio degli operatori turistici; dall’altro, a livello comprensoriale, si deve agire in fretta per ripristinare al pieno operatività dei Distretti turistici, soprattutto alla luce del bando pubblicato dalla Regione per finanziare le iniziative dei distretti turistici siciliani.

Per quanto riguarda il Consorzio, si ribadisce inoltre che le iscrizioni non si concludono con la pubblicazione dell’avviso ma rimangono sempre aperte all’accesso dei soci ordinari i quali hanno pari dignità rispetto ai fondatori.

Per quanto riguarda i costituiti Distretti Turistici degli Iblei e del Sudest, già in settimana ci sono state le prime convocazioni dei comuni interessati. I problemi relativi al C.d.A. del Distretto turistico del Sud Est sono stati già evidenziati nelle sedi opportune e si attende la convocazione in settimana. In caso contrario si sta anche concertando un’azione comune fra i soggetti pubblici coinvolti che non esclude anche l’azione legale nei confronti del C.d.A. nel caso in cui continui ad essere inadempiente. L’Amministrazione comunale di Modica è pienamente consapevole dell’importanza strategica del Distretto del Sudest e non sta trascurando di fare le massime pressioni affinché sia messo subito nelle condizioni di agire, anche per valutare le possibilità di partecipazione al Bando che la Regione siciliana ha pubblicato per i distretti turistici: per questo non temiamo di ricorrere anche alle azioni più forti ed eclatanti, pur di uscire dall’attuale inaccettabile stallo”.