La pulizia della discordia in piazza Duca degli Abruzzi

1

Solitamente le polemiche e le azioni di protesta vengono condotte quando non viene espletato un servizio per il quale ciascun contribuente paga le tasse. A Marina di Ragusa, invece, in modo paradossale, gli operatori ecologici vengono aggrediti verbalmente perché compiono il loro lavoro, in fasce orarie, che, secondo alcuni gestori di locali e alcuni residenti nelle vie a ridosso di Piazza Duca degli Abbruzzi, non sono consone. A raccogliere il malcontento e le rimostranze degli operatori dell’igiene ambientale, stanchi di non essere mesi nelle condizioni di svolgere il loro lavoro, sono stati i sindacati di cgil e cisl che hanno scritto al sindaco di Ragusa e, per conoscenza anche al Prefetto. A loro dire, l’attività di spazzamento e lavaggio di piazza Duca degli Abruzzi e delle viuzze limitrofe, svolta alle cinque del mattino, è costante motivo di diverbi. L’ultimo episodio, in ordine di tempo, si è verificato alle cinque del mattino della scorsa domenica, quando un paio di gestori che hanno i bar in piazza, si sarebbero alterati contro alcuni operatori ecologici, perché, secondo loro, facevano scappare la clientela, ancora a quell’ora seduta tranquillamente nei tavolini. Il tutto a causa del sollevamento delle polveri e a causa degli spruzzi d’ acqua.  
Simili episodi, si sarebbero verificati nei giorni precedenti  in via Tindari, da parte di alcuni residenti infastiditi dal rumore dei mezzi e delle attrezzature. Gli operatori hanno spiegato che l’attività era necessaria che venisse effettuata a quell’ora per consentire ai numerosi villeggianti, compresi bimbi e anziani che fruiscono della piazza, di averla pulita già nella prima mattinata.
Alla luce di ciò i sindacati chiedono la convocazione di un incontro con tutte le parti interessate per dirimere la questione e consentire ai lavoratori e alla ditta che si occupa del servizio di nettezza urbana, di poter tranquillamente svolgere l’attività.
A latere di tale richiesta, i sindacati si interrogano su come sia possibile che dopo un mese e mezzo dall’insediamento della nuova amministrazione, ancora non vi sia stato alcun incontro con il sindaco e con l’assessore all’ecologia? Ed ancora le organizzazioni sindacali si chiedono cosa l’amministrazione abbia programmato per Marina di Ragusa? Perché non sono stati effettuati i dovuti controlli anche rispetto l’orario di chiusura degli esercizi commerciali e chi doveva interessarsi a fare rispettare le varie ordinanze sindacali emanate dal Comune ?