Furto in un’azienda di contrada Coniglio, arrestato un rumeno

2

Nella trascorsa serata, i militari della Stazione Carabinieri di Chiaramonte Gulfi hanno tratto in arresto un rumeno di 24 anni  residente a Chiaramonte Gulfi, bracciante agricolo, incensurato, sorpreso nei pressi della sede di un’azienda di frantumazione della pietra e produzione di inerti, in Contrada Coniglio, nel tentativo di asportare del materiale custodito all’interno del deposito carburante e degli uffici amministrativi, ove si era introdotto mediante effrazione di una porta in ferro e di una finestra.
L’immediato intervento dei militari operanti, attivati da una telefonata pervenuta direttamente in caserma da parte di due cittadini chiaramontani, permetteva di fermare il giovane rumeno, il quale a seguito della sua condotta veniva tratto in arresto e, al termine delle formalità di rito, veniva posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria iblea davanti alla quale dovrà rispondere di furto aggravato.
Non si esclude che l’odierno arrestato, unitamente ad altri complici, possa essersi reso responsabile di altri furti ai danni di aziende e private abitazone presenti nella zona.
Fondamentale per la riuscita dell’intervento è stato l’alto senso civico dimostrato dai segnalanti, i quali essendo a conoscenza della recrudescenza dei furti in quella zona, si sono insospettiti fornendo precise indicazioni ai Carabinieri del presidio chiaramontano.