Modica dice addio al poeta Carmelo Assenza

220

Il suo silenzio durava ormai da anni, da quando è stato costretto a combattere contro una lunga malattia che lo ha distratto dai suoi magici giochi con le parole: quelle del dialetto siciliano, soprattutto, a cui si divertiva a far rivivere una nuova gioventù. Ora la città di Modica sentirà davvero la mancanza di Carmelo Assenza, che si è spento ieri a 87 anni.

Da uomo saggio e mite, gioviale e generoso, Meno Assenza ha saputo farsi amare da tutti, soprattutto dai tanti ragazzi che hanno avuto la fortuna di averlo come maestro di scuola.

Tutti gli altri – modicani e non solo  – si sono abituati a considerarlo come uno di famiglia, imparando a conoscere attraverso le sue pagine le tradizioni, gli usi e i costumi della Contea, a cominciare dalle celebri “miniminagghi”, i proverbi siciliani che lui ha pazientemente raccolto e spiegato in uno dei suoi tanti libri.

E hanno grazie a lui imparato ad emozionarsi guardando con occhi nuovi anche le cose più semplici, che Meno Assenza nelle sue poesie sapeva trasformare in radici, memoria, identità e sentimento. A cominciare da quei “Mura a siccu” delle nostre campagne, a cui nessuno potrà più volgere lo sguardo, senza che immediatamente gli salgano alle labbra le sue parole, tra le tante che ce lo rendono indimenticabile

Anche noi le ricordiamo, sorridendo al pensiero che il desiderio di avere per le sue ossa “ppi cummuogghiu ‘n muru a siccu” possa essere in questo modo, almeno idealmente, esaudito.

Mura a siccu, ‘ntaviddati
Ccu pitruddi arricugghiuti
Nne vignala e puoi ‘ncugnati,
Nne pirtusa, nna li casci,
Mura nichi, mura vasci
Ppi siddachi, ppi’ cusciati,
Mura fatti a ‘na traversa
Ca scinniti, c’accianati,
Ritti ritti,  a cudduredda,
Ppi li costi e bbi pirditi…
Unni iti! Unni iti
Comu tanti scursunedda,
Mura a siccu ca parrati
Sulu a cu bi sa capiri
E la terra arraccamati
Ccu disigna a nun finiri?    
Ah putissi ‘gn’juornu aviri,
Vurricatu ‘nta n’agnuni,
Ppi cummuogghiu ‘n muru a siccu
Cumminatu a mannaruni…
Nna lu mienzu ci spuntassi
Rogni tantu l’irvicedda,
E all’ussidda ‘n cci mancassi
Mai re petri a friscuredda!