Muore a 29 anni, donati tutti gli organi

3

E’ morta a soli 29 anni, una giovane donna ragusana colta nei giorni scorsi da un malore improvviso, che è tragicamente degenerato nella giornata di ieri, quando i medici dell’Ospedale Civile di Ragusa non hanno potuto far altro che constatarne la morte cerebrale.

I familiari,  benché distrutti da un dolore così tremendo e lacerante, hanno acconsentito alla donazione degli organi, per altro rispettando le manifeste volontà della giovane donna.
I  dott.ri G. Iuvara e L. Rabito si sono attivati  contattando il  Centro Regionale trapianti per ricercare i potenziali accettori.
A questo punto è diventato determinante  il ruolo della nuova struttura aeroportuale di Comiso: il presidente della Soaco Rosario Dibennardo si è subito attivato  per consentire l’atterraggio degli aerei militari provenienti da fuori regione anche se in orari diversi  dalla normale attività.
Questa nuova realtà del Magliocco, presente nella provincia di Ragusa,  ha permesso, per la prima volta, l’espianto anche di organi che hanno una scarsa resistenza extracorporea.       
La sfortunata  vicenda ha registrato un grande coinvolgimento di tutti i familiari e gli amici della giovane donna: infatti, durante le procedure di espianto multiplo,  si è tenuta nella cappella dell’ospedale Civile una veglia di preghiera.
“La tragica scomparsa di una giovane vita viene in parte alleviata da un gesto di immensa generosità e civiltà. La presenza del nuovo aeroporto provinciale ha permesso, per la prima volta a Ragusa, l’espianto del cuore, cosa altrimenti impossibile, sino ad ora,  per la comprensibile distanza con l’aeroporto di Catania,   che impediva la donazione di un organo che va reimpiantato tempestivamente.” Questo il primo commento del Commissario Straordinario, Angelo Aliquò che ha aggiunto:  “Ringrazio quanti, a qualsiasi titolo, si sono prodigati per dare un senso a questa tragedia”.