“Non cedere ai ricatti sessuali, denunciali”. Il volantino della Polizia per le rumene

1

Mentre in un affollato incontro in Prefettura a Ragusa, si è discutere della grave situazione – di sfruttamento e abuso – registrata nelle campagne iblee (un fenomeno portato alla ribalta nazionale da un reportage giornalistico, ma denunciato da tempo da associazioni e sindacati), sul territorio stanno da tempo circolando questi volantini della Polizia del Commissariato di Vittoria.

Sono un invito alle donne straniere – ecco perché uno è scritto in lingua rumena – a non accettare di sottostare a ricatti di qualsiasi tipo, men che meno quelli di natura sessuale.

VOLANTINO
Piuttosto, viene detto alle donne, di “ribellarsi allo sfruttamento” e di affidarsi alle forze dell’ordine per denunciare chi approfitta della propria posizione di forza e potere per abusare di loro.

Che la situazione nelle campagne iblee sia al limite del sostenibile se non ben oltre, lo confermano però sia le associazioni che lavorano nel terzo settore. Mentre, da parte sua, il procuratore della Repubblica, Carmelo Petralia, ha spiegato che gli inquirenti sono sempre pronti a fare la loro parte, ma resta il nodo della collaborazione. Senza persone disposte poi a testimoniare, infatti, si rischia di mettere su procedimenti che lasciano il tempo che trovano.

Proprio per non cadere nella tentazione di generalizzare, pubblichiamo le immagini di questi volantini, associandoci così all’invito premuroso e condivisibile delle forze dell’ordine vittoriesi.