Il campione del mondo Davide Migliorisi presente al master di kick boxing k1

23

Sarà il palazzetto dello sport di villaggio Gulfi, a Chiaramonte Gulfi, ad ospitare, domenica 23 novembre, l’evento sportivo organizzato dal maestro Nello Nobile di Ragusa, responsabile generale della federazione Wkf Sicilia. L’ evento, che nelle previsioni è destinata a richiamare atleti provenienti da ogni parte della Sicilia, si avvale della preziosa collaborazione del presidente provinciale Csen Ragusa, Sergio Cassisi, ed il responsabile Wkf del settore kung fu, maestro Davide Migliorisi, di recente fregiatosi della medaglia d’oro nella disciplina del Taiji quan ai campionati del mondo di Massa Carrara. Saranno inoltre presenti maestro Alfio Nifosì, responsabile Wkf del settore Mma e grappling, campione internazionale di sambo, ed ancora, il maestro Francesco Saladino di Messina, responsabile settore professionisti k1 style.

“Abbiamo voluto creare appositamente questo evento, con la collaborazione del Comune di Chiaramonte Gulfi, del Coni, ma anche del Comune di Ragusa – afferma il maestro Nobile, cintura nera sesto dan, istruttore di pugilato e self defense – perché abbiamo ritenuto fosse arrivato il momento di riservare degli spazi all’unificazione delle arti marziali. Questo primo appuntamento di un circuito itinerante che abbiamo già pianificato per il prossimo futuro è destinato a garantire delle ricadute molto interessanti anche per la crescita del movimento nell’area iblea”. A proposito del circuito, è stato deciso che il secondo master si terrà l’8 febbraio 2015 a Siracusa con la collaborazione del maestro Pier Paolo Perez, delegato Wkf per il settore kick boxing. “Ad aprile del prossimo anno, inoltre – aggiunge il maestro Nobile – abbiamo già in programma di organizzare, nell’area iblea, la coppa Italia. Alla luce del clamoroso successo ottenuto nella precedente edizione, abbiamo altresì in mente di promuovere il campionato assoluto Italia Wkf di kick boxing light e k1 style. Dovrebbe tenersi nel maggio 2015 a Messina. Inoltre, continueremo ad occuparci della nostra azione nel campo della didattica, considerato che nel 2014 abbiamo provveduto a formare oltre trenta tecnici. Risultati senz’altro molto interessanti. E che ci aprono la strada per un futuro che si annuncia sempre più radioso”.