Spedizione punitiva con rapina. “Il branco deve restare in carcere”

1

La Polizia di Vittoria, stamane ha eseguito il provvedimento del Giudice per le Indagini Preliminari presso Il Tribunale di Ragusa, dr. C. Maggioni, col quale a D.G., 24enne nato e residente a Vittoria con pregiudizi per reati contro il patrimonio; Z.W., 21enne tunisino residente a Vittoria con pregiudizi per reati contro la persona; C.A.M., 22enne vittoriese con pregiudizi per stupefacenti, reati contro il patrimonio e armi, viene revocata la misura degli arresti domiciliari e sostituita da quella della custodia cautelare in carcere.
Si ricorderà che i tre pregiudicati vennero arrestati dalla Polizia di Vittoria alcune settimane, insieme ad altre cinque persone, per l’inquietante episodio di una vera e propria spedizione punitiva con rapina.
In queste settimane D.G. e Z.W. per ben due volte erano già stati denunciati dal Commissariato per il reato di evasione dagli arresti domiciliari. C.A.M. addirittura per ben tre volte.
Il Giudice dopo la pressante attività di controllo della Polizia, ha ritenuto che le trasgressioni alle prescrizioni degli arresti domiciliari concernenti il divieto di allontanarsi dall’abitazione, comportano la revoca della misura e la sua sostituzione con la custodia cautelare in carcere, trattandosi di revoca obbligatoria.
Per questi motivi, gli Agenti del Commissariato, appena ricevuto il provvedimento si sono attivati procedendo alla cattura dei tre pregiudicati ed al loro trasferimento presso la casa Circondariale di Ragusa.