Nuovo caso di stalking, i Carabinieri di Vittoria arrestano un uomo di 37 anni

1

Nella tarda serata di ieri un vittoriese, incensurato, è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Vittoria con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e atti persecutori che andavano avanti nei confronti della convivente dall’agosto 2014. Nei giorni scorsi la donna, 32enne, è finita al Pronto Soccorso a causa di percosse, anche pesanti.

Tutti i dettagli nella nota diramata dal Comando Provinciale Carabinieri di Ragusa:

Il provvedimento, emesso dal G.i.p. presso il Tribunale di Ragusa, che ha concordato pienamente con le risultanze investigative acquisite, scaturisce da una triste vicenda attentamente monitorata dall’Arma che, dopo aver denunciato l’uomo, ha contestualmente richiesto un’idonea misura cautelare al fine di tutelare la vittima.

In particolare, la vicenda inizia nell’agosto 2014, quando la donna inizia ad essere oggetto di reiterate minacce, aggressioni fisiche e verbali, tanto da essere costretta a modificare le proprie abitudini di vita, a vivere in uno stato di ansia continuo, perenne, con la costante paura per la propria incolumità e per quella dei figlioletti.

L’apice si raggiunge nei giorni scorsi quando la ragazza riceve percosse, anche pesanti, che la portano al Pronto Soccorso e, in base a quanto previsto normativamente, viene subito interessata la locale Stazione Carabinieri che, dopo aver accertato quanto accaduto e aver ricostruito anche gli episodi passati, da inquadrarsi in un burrascoso rapporto di convivenza, denuncia il 37enne chiedendone un provvedimento limitativo della libertà personale.

Il vittoriese è stato così condotto nella caserma di via Giuseppe Garibaldi da dove, al termine delle formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione a disposizione dall’Autorità Giudiziaria di Ragusa, dinanzi alla quale dovrà rispondere dei reati di atti persecutori, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali: sulla vicenda ora resta l’attenzione degli investigatori.