Ragusa: eseguita al “Paternò Arezzo” l’autopsia sulla piccola Nicole. Oggi i funerali a Mascalucia

5

Saranno celebrati oggi pomeriggio, nella chiesa di San Vito a Mascalucia, i funerali della piccola Nicole.

Le esequie arrivano qualche giorno dopo l’autopsia sul corpicino della neonata, morta nella notte del 12 febbraio in ambulanza, sulla Catania-Ragusa, a tre ore dalla nascita, dopo che non si era trovato un posto nelle terapie intensive neonatali catanesi e di Siracusa.

Ad effettuare l’esame, all’obitorio dell’ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa, il medico legale Giuseppe Ragazzi insieme ad altri due professionisti incaricati dalla Procura: la ginecologa Claudia Giuffrida e la neonatologa messinese Eloisa Gitto. Insieme ai tre medici, sono stati presenti all’esame autoptico altri nove colleghi nominati come medici di parte da ognuno dei nove indagati che nella giornata di ieri hanno ricevuto l’avviso di garanzia per omicidio colposo.

La causa del decesso non emerge: ci vorranno i canonici 60 giorni di tempo per la consegna della relazione. Sul corpicino di Nicole è stata trovata soltanto un’ecchimosi da rianimazione.

I professionisti incaricati hanno prelevato gli organi che saranno esaminati nelle prossime ore da un anatomopatologo. Le indagini, che sono state delegate alla Polizia, dovranno cercare di fare luce sui tanti perché che restano da chiarire attorno alla triste vicenda. A cominciare dai tempi. E, soprattutto, si dovrà capire se il viaggio verso Ragusa fosse necessario.

Una “complessa serie di concause” che hanno causato il decesso che dovranno essere accertate dalla Procura: dal parto e dalle terapie effettuate nelle primissime fasi di vita della bambina, passando alle modalità di reazione delle strutture centrali, a partire dal 118 ma non trascurando i tempi e le modalità di utilizzo dell’autoambulanza e la adeguatezza del personale del mezzo rispetto all’emergenza che si prospettava.