Battiato come “piccolo papà” e il no di X Factor. Giovanni Caccamo si racconta a Radio Deejay

22

Il vincitore di Sanremo Giovani, il modicano Giovanni Caccamo, è stato ospite, oggi, della nota trasmissione radiofonica “Deejay chiama Italia”, con Linus e Nicola Savino.
Una partecipazione, come ha spiegato lo stesso Linus, nata in modo diverso da quella di tutti gli altri artisti. In pratica, Giovanni, con la spontaneità che lo sta facendo amare ovunque, si è semplicemente “autocandidato”.

Diversi gli argomenti trattati nel corso della trasmissione. Dall’infanzia senza l’amato padre, alle difficoltà degli esordi, dall’incontro con Franco Battiato al no di Mara Maionchi, 5 anni fa, ad X Factor. “È stato in quell’occasione”, ha spiegato Giovanni: “che ho capito che sarei dovuto diventare autonomo nella scrittura dei testi perché per presentare un progetto valido, ci vogliono canzoni valide e se nessuno ti conosce nessuno te le scriverà”.

Divertentissima l’imitazione del Maestro Battiato, definito “un piccolo papà” e conosciuto dopo un appostamento di qualche ora davanti alla sua casa sul litorale ibleo solo per consegnarli un cd. “Battiato mi ha regalato la forza di un sogno – ha affermato – e la serenità di capire che l’arte prescinde da ciò che c’è fuori, perché è dentro di noi”.

Infine l’incredibile stratagemma di “Live at home” per appagare la voglia di un tour europeo pur essendo ancora sconosciuto e senza soldi in tasca. “Ho suonato, praticamente, in tutte le case di chi si metteva a disposizioni e aveva un pianoforte in salotto! Così ho riempito 54 date!”.