Fermati ai posti di blocco, diversi i giovani trovati in possesso di sostanze stupefacenti

1
Immagine di repertorio

Un arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e una serie di denunce in stato di libertà.

Li hanno messi a segno i Carabinieri del comando provinciale di Ragusa che hanno fatto scattare le manette ai polsi di un’incensurata di 22 anni, residente a Pozzallo. La giovane, nel corso di perquisizione personale e veicolare, eseguita durante un posto di blocco di routine, è stata trovata in possesso di un panetto di hashish di 100 grammi, nascosto nella tasca dei pantaloni. La stessa, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica di Ragusa, dott.ssa Monica Monego, è stata associata presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.

Tra le denunce in stato di libertà, invece, vi sono quella di un 20enne di Ragusa, pregiudicato e nullafacente, che nel corso di una perquisizione è stato trovato in possesso di 2 coltelli a serramanico di genere vietato, e di un ragusano incensurato di 19 anni,trovato in possesso di 4 grammi di ecstasy. Quest’ultimo si è anche rifiutato di sottoporsi agli accertamenti medici per verificare se guidava sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e per questo gli è stata ritirata la patente. Successivamente è stato deferito all’Autorità Giudiziaria e segnalato alla Prefettura per uso personale di stupefacenti.

Sono stati denunciati in stato di libertà anche un 34enne pregiudicato di Vittoria e un 26enne incensurato di Ragusa. Anche loro sono stati fermati ad un posto di controllo e sono stati trovati in possesso di 2 bilancini precisione utilizzati per la pesatura delle dosi di sostanze stupefacenti e della somma di 800 euro, provento dell’illecita attività di spaccio. Altri due bilancini di precisione sono, poi, venuti fuori dalle perquisizioni eseguite presso le loro abitazioni.

Nel corso di controlli di soggetti sottoposti a misure restrittive, infine, è stato denunciato un albanese di 24 anni, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari e che non è stato trovato presso la sua abitazione.