Poste in disarmo le corvette Minerva e Sibilla della Marina Militare di Augusta

9

Dopo 25 anni di onorata attività, ieri, presso la Banchina Tullio Marcon di Augusta, sede del Comando delle Forze da Pattugliamento per la Sorveglianza e la Difesa Costiera della Marina Militare di Augusta, ha avuto luogo la cerimonia dell’ultimo ammaina bandiera delle Corvette Minerva e Sibilla, che sono state formalmente poste in disarmo.

Alle 11.20, salutate da 21 salve di cannone, le due bandiere di combattimento sono sbarcate per essere consegnate dall’ultimo comandante di entrambe le corvette, il capitano Fabio Pinturo, al Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Giuseppe De Giorgi. Al termine del loro ultimo viaggio, entrambe saranno conservate a Roma, all’interno dell’Altare della Patria, nel museo Sacrario delle bandiere delle Forze Armate.

La brutta notizia è che ci vorrà qualche anno prima che le due navi vengano sostituite. Solo nel 2021 e 2022 arriveranno i primi due nuovi pattugliatori, finanziati con la legge di stabilità del 2015.

“Saranno navi – ha commentato l’ammiraglio De Giorgi – in grado di partecipare efficacemente alla difesa. Con un investimento unico, noi realizziamo un mezzo navale che farà parte di un sistema più ampio di protezione e difesa in profondità delle linee marittime e dei passaggi obbligati in alto mare, ma anche in grado di operare in acque costiere per operazioni di soccorso

Con il “pensionamento” delle due Corvette, continua il processo di ridimensionamento delle navi della Marina Militare che, a causa dell’invecchiamento della Squadra Navale, nel prossimo decennio radierà ben 51 delle 60 attuali navi in servizio. Navi il cui lavoro è prezioso per tutta la collettività siciliana e, in particolare, per quella orientale e del sud.

Minerva e Sibilla hanno preso parte a numerose operazioni legate alla repressione dei traffici illeciti e, nel Canale di Sicilia, hanno operato nell’ambito della Vigilanza Pesca e nel controllo dei flussi migratori, anche durante Mare Nostrum.

Il comandante Fabio Pinturo ha ringraziato, nel proprio intervento, gli uomini e le donne degli ultimi equipaggi, in rappresentanza di tutti quelli che li hanno preceduti, e anche i precedenti comandanti delle due corvette, con i quali ha detto di condividere “i profondi sentimenti che li legano a queste splendide navi, che porteremo sempre nel cuore”.

Minerva e Sibilla, adesso, saranno cedute a Fincantieri per la successiva vendita al Bangladesh.