Un ragazzo terribile

5
Immagine di repertorio

Il giovane nella mattinata di ieri ha minacciato di morte una giovane donna, madre di una bimba di quattro anni, che lo ospitava in casa da quando il ragazzo aveva deciso di abbandonare il domicilio domestico per le incomprensioni col padre.

Ha minacciato chi gli dava ospitalità e l’ha colpita violentemente con un calcio causandole lesioni ad una gamba. Con un grosso masso ha danneggiato l’auto e sfondato una finestra di casa della donna, dopo che quest’ultima l’aveva cacciato via. La Polizia allarmata da una chiamata al 113 è intervenuta rapidamente ed ha dovuto lavorare non poco prima di immobilizzarlo e poi metterlo in sicurezza, dato che tentava in tutti i modi di colpire i poliziotti e poi di sbattere il capo sui muri o sull’asfalto della strada.

In ordine di tempo, questo è stato l’ultimo degli interventi delle Volanti.

Già la sera prima c’erano state le prime avvisaglie.

Problemi del giovane col padre, intemperanze, violenze, segnalazioni fatte da diversi cittadini che lo vedevano aggirarsi con fare sospetto nei pressi delle loro abitazioni. Alla fine è stato arrestato in flagranza di reato per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali danneggiamento e violazione di domicilio. Contemporaneamente è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale ed ingiurie quando, la notte prima, i poliziotti lo hanno visto fuggire alla loro vista e poi lo hanno controllato.

Esaminate le denunce di furto delle ultime 24 ore, sono state trovate denunce di furto di ciclomotore e di due biciclette che attentamente esaminate, e risentite le parti lese, hanno consentito agli investigatori di individuare nel 18enne proprio l’autore dei reati.

Più grave è quanto consumato qualche giorno prima ai danni di una donna di 32 anni che nella zona dei garage condominiali dove abita aveva notato il giovane che aveva rubato dei dvd ed una play station. Alle urla della donna che gli intimava di allontanarsi, il ragazzo l’ha minacciata duramente, salvo poi fuggire prima dell’intervento della Polizia.

Tutta la refurtiva è stata recuperata e riconsegnata ai legittimi proprietari.