Vende 350 auto in nero, scoperto concessionario abusivo a Ispica

2

I Finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa hanno scoperto un concessionario abusivo operante ad Ispica che, negli ultimi anni, ha venduto circa 350 autovetture commercializzate in nero.

Nell’ambito di una specifica attività istituzionale avviata a livello nazionale dal Comando Generale e dal Nucleo Speciale Entrate della Guardia di Finanza di Roma, tramite la consultazione delle banche dati in uso al Corpo e l’incrocio delle risultanze ottenute, le Fiamme Gialle della Tenenza di Pozzallo hanno individuato un soggetto, risultato peraltro disoccupato, intestatario di oltre 200 autovetture.

L’imprenditore disonesto non si avvaleva di alcuna pubblicità ufficiale, né tantomeno disponeva di uno di quei raffinati autosaloni dove gli acquirenti vengono invogliati all’acquisto di macchine tirate a lucido, ma poteva contare su un consolidato passaparola tra i clienti della provincia iblea e non solo. I prezzi al pubblico erano infatti più che vantaggiosi, proprio perché ogni obbligo tributario veniva puntualmente “dribblato” ormai da anni.

Le indagini, sviluppate partendo da serie di appostamenti e pedinamenti, hanno condotto subito alla scoperta della concessionaria abusiva a ridosso del centro abitato di Ispica, riconducibile al soggetto, dove sono state trovate oltre cinquanta autovetture usate, esposte per la vendita.

Due persone, tra cui l’uomo ed il soggetto titolare del terreno ove l’attività illecita era posta in essere, sono state denunciate per aver allestito un vero e proprio salone espositivo di autovetture. Una concessionaria, però, totalmente abusiva perché carente delle autorizzazioni prescritte per la vendita.

La conseguente verifica fiscale avviata ha consentito di individuare ricavi non contabilizzati dal 2010 per oltre 700 mila euro, omesse fatturazioni ed Iva non versata superiore a 45.000 euro. L’imprenditore, evasore totale per ben 5 annualità, è stato dunque denunciato alla Procura della Repubblica di Ragusa per gli illeciti connessi all’omesso versamento dell’imposta sul reddito delle società.

Ad essere ascoltati negli uffici delle Fiamme Gialle circa un centinaio di clienti che, negli anni, hanno acquistato i veicoli dalla “concessionaria”. Tutti hanno confermato come l’uomo accettava solo pagamenti tramite denaro contante e, dunque, in alcun modo tracciabili.

Questo sistema, sebbene permettesse al sedicente imprenditore di nascondere i ricavi provenienti dalle vendite, una volta scoperto, non gli ha evitato di essere sanzionato dai finanzieri che, oltre ad irrogare un pesantissimo verbale a lui, ha portato anche a sanzionare ben 49 acquirenti per aver effettuato pagamenti in contante sopra soglia, in violazione delle prescrizioni di legge che disciplinano il trasferimento di denaro contante.