A Emanuele Schembari verrà intitolato il Centro Servizi Culturali di Ragusa

4

Il Centro Servizi Culturali del Comune di Ragusa sarà intitolato allo scrittore, poeta e giornalista Emanuele Schembari, recentemente scomparso, già presidente del Centro.

E’ quanto stabilito dalla giunta municipale con apposita determinazione adottata nella seduta di ieri, accogliendo la richiesta formale presentata dal vice presidente del Centro Servizi Culturali, Pasquale Spadola, a nome della giunta esecutiva e dell’assemblea delle associazioni aderenti al Centro. Emanuele Schembari fu ideatore, promotore e animatore instancabile della crescita culturale ragusana attraverso una incessante azione catalizzante ed aggregante che aveva come fulcro il Centro Servizi Culturali, a cui aderiscono ben 63 associazioni culturali. “L’intitolazione della struttura comunale alla memoria di Emanuele Schembari è un fatto dovuto – sottolinea il sindaco Federico Piccitto – Il Centro Servizi Culturali non sarebbe diventato oggi quel fiore all’occhiello che è, nel panorama culturale ibleo, senza l’appassionata presenza e l’opera assidua di un intellettuale eclettico, arguto ed apprezzato, anche fuori dai confini locali”.

 

Un viale all’interno del Giardino Ibleo invece, verrà intitolato al Capitano Salvatore Cascone, pluridecorato al valore militare nella prima e seconda guerra mondiale, caduto l’8 giugno 1942 nella sanguinosa battaglia di Bir-Hacheim Tobruch, in Libia. Il Capitano Cascone, nato a Ragusa Ibla il 16 maggio 1896, fu anche professore e vice rettore presso il Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II di Roma a partire dal 1936.

Nel 1916 gli fu concessa la croce al merito di guerra e, finito il primo conflitto mondiale, riprese gli studi universitari, conseguendo nell’anno accademico 1923-24 la laurea di dottore in Scienze Naturali presso l’Università degli Studi di Catania.  Oggi i resti mortali sono stati identificati, traslati ed inumati definitivamente nel Sacrario Monumentale Militare dei Caduti d’oltremare di Bari. Quale eroe della Patria è stato insignito di due medaglie d’argento.

Un figlio ragusano illustre che ha pagato con la vita la sua dedizione alla Patria – rimarca il sindaco Federico Piccitto – Il giardino ibleo, che è ricco di testimonianze del sacrificio di tante vite spezzate in guerra nel simbolismo del monumento ai caduti, è il luogo più consono per rendere omaggio al Capitano Salvatore Cascone”.