Caos parcheggi al porto di Pozzallo: “Costretti a sostare in mezzo alla strada”

171

Parcheggi vuoti dentro il porto, per timore di caos e incidenti, e area esterna, non deputata alla sosta, invasa dalle auto, con pericolo di sinistri e multe. E’ la disagevole situazione che alcuni lettori ci stanno segnalando e relativa al porto di Pozzallo, dove, da qualche tempo, viene vietato l’ingresso all’interno dell’area portuale alle autovetture. A causa di questo blocco, e non essendo presenti zone di parcheggio nelle aree immediatamente vicine all’entrata, le automobili che attendono il catamarano per Malta sono costrette a parcheggiare, in divieto di sosta, nella strada antistante il porto, interessata, oltre che dal normale ed intenso flusso di mezzi, anche dal passaggio di veicoli commerciali di grandi dimensioni (in partenza per o in arrivo da Malta), spingendosi fino all’hotspot.

Non solo: per controllare l’ingresso nella struttura vengono impiegati uomini della Capitaneria, che pure hanno da occuparsi di ben più gravose questioni. 

Come dimostrano le foto – denunciano alcuni utenti – ci costringono a parcheggiare fuori, in una zona in cui non è prevista la sosta, con possibilità di incidenti elevatissima, visto che l’arteria è molto trafficata. E non è tutto. Nella zona più pericolosa del porto, quella destinata alle navi commerciali, non c’è alcun presidio, ed è possibile entrare ed uscire liberamente ed arrivare con le autovetture private fin sottobordo delle navi mercantili, con tutte le conseguenze che, in una fase storica tanto delicata, tutto questo potrebbe provocare”.

Qualcuno adesso, stanco di questa situazione, sta chiedendo direttamente un autorevole intervento del Prefetto Maria Carmela Librizzi, ma anche di Capitaneria di Porto, Libero Consorzio Comunale e del Sindaco di Pozzallo, affinché possano interagire e trovare una soluzione migliore, e meno pericolosa, per tutti.